Excite

Nobel per la Pace, ad Oslo una sedia vuota per Liu Xiaobo

Oggi alla cerimonia a Oslo della consegna del Nobel per la Pace a Liu Xiaobo, dissidente cinese in carcere dal 2009 per una condanna a 11 anni per 'istigazione alla sovversione', al suo posto ci sarà una sedia vuota. Liu è accusato di essere tra i promotori di 'Carta08', il documento favorevole alla democrazia che è stato firmato da oltre duemila cittadini cinesi.

Nei giorni scorsi il governo di Pechino aveva cercato di avviare una trattativa riservata con il dissidente cinese offrendogli un passaporto di sola uscita con il visto per gli Usa o per uno dei Paesi Ue in cambio di un'ammissione di colpa, ma Liu ha rifiutato e così la sua assenza oggi ad Oslo non sarà affatto silenziosa.

Il presidente del comitato Nobel, Thosbjorn Jagland, ha fatto sapere che, a causa della mancata presenza di Liu e di un suo familiare, non ci sarà la consegna formale del premio e dell'assegno da 1,5 milioni di dollari. Al posto della consegna del riconoscimento ci sarà un discorso dello stesso Jagland, la lettura di un messaggio di Liu da parte dell'attrice Liv Ullmann e l'esibizione di un coro di voci bianche.

Nel frattempo Pechino ha rafforzato ancora di più i suoi controlli, mettendo sotto stretta sorveglianza la casa di Liu Xia, moglie del dissidente cinese, e le abitazioni di altri dissidenti per evitare qualsiasi contatto con la stampa estera. Il governo ha poi provveduto a bloccare televisioni e siti internet stranieri che potrebbero parlare della cerimonia di consegna del Nobel.

La stampa cinese vicina al Partito comunista cinese definisce la consegna del premio Nobel per la Pace al dissidente Liu Xiaobo 'una farsa per mettere sotto processo la Cina'. C'è chi però esprime posizioni critiche, ad esempio il quotidiano di Hong Kong South China Morning Post secondo cui 'la Cina può incolpare solo se stessa per il fiasco del Nobel. La maggior parte delle nazioni con rappresentanza diplomatica a Oslo ignoreranno l'invito al boicottaggio di Pechino. La pesante reazione cinese è controproduttiva per la sua immagine e per il rispetto che chiede come superpotenza pacifica'.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017