Excite

Nozze gay a Roma, Ignazio Marino "sposa" 16 coppie omosessuali tra le proteste della piazza

  • @Rainews 24

Nonostante i divieti, le proteste e le opposizioni ideologiche, il sindaco di Roma Ignazio Marino non si è fermato e nella mattinata di sabato 18 ottobre ha trascritto le nozze di 16 coppie gay che avevano contratto precedentemente il matrimonio all'estero.

Ignazio Marino sfila al Gay Pride: le foto

La cerimonia si è svolta in un Campidoglio blindato per l'occasione, mentre fuori dall'edificio si moltiplicavano le proteste nei confronti del sindaco di Roma organizzate dal Nuovo Centrodestra e di Forza Italia. Alla trascrizione infatti, hanno potuto partecipare solo coloro che erano stati invitati.

L'evento si è svolto come una vera e propria cerimonia di nozze, con tanto di bouquet, fotografie con gli sposi e festeggiamenti al momento della trascrizione. Grandi ovazioni per il sindaco Marino, che per celebrare l'evento ha letto alcuni versi di una poesia di Paolo Neruda.

Oltre alle proteste in Piazza Venezia, non sono mancate le critiche e le polemiche da parte di chi si è sempre mostrato totalmente contrario alla scelta di Marino di trascrivere le nozze delle coppie gay. Se il Vicariato ha definito la decisione di marino una “scelta ideologica”, il ministro dell'Interno Angelino Alfano ha ribadito su Facebook che tale atto non ha valore legale secondo la legge italiana e che quindi è come se Marino avesse fatto “un autografo a queste coppie”.

Nonostante le critiche e i mancati riconoscimenti legali, Marino ha precisato che se il prefetto dovesse definire nulle le nozze trascritte dal sindaco, chiederà pareri legali sulla legittimità di un eventuale annullamento. Poi, in poche parole, il sindaco ha ribadito il motivo della sua scelta: "Io faccio il mio lavoro, e difendo il diritto di tutti di amarsi”.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017