Excite

Oggi giornata nazionale per la ricerca sul cancro

  • Airc.it

"Dal genoma alla cura. La ricerca corre", questo lo slogan che dà il via oggi alla "Giornata nazionale per la ricerca sul cancro", organizzata dall'Airc. Al centro della giornata di quest'anno la velocità del viaggio della malattia e della ricerca.

"L'accelerazione che ha vissuto negli ultimi dieci anni il progresso della ricerca, e quella oncologica in particolare, ha accorciato le distanze tra gli studi effettuati in laboratorio e il loro impatto sulla diagnosi e la cura della malattia - spiegano dall'Airc -. Tutto ciò è avvenuto in particolare grazie al sequenziamento del genoma e alle grandi innovazioni tecnologiche che hanno reso questa procedura sempre più facile e rapida - basta pensare che, negli anni novanta, occorrevano mesi per leggere la sequenza di un solo gene e ora invece, in pochi giorni, si può decodificare un intero genoma, composto da migliaia di geni".

Il dottor Pier Paolo Di Fiore, dell'Istituto europeo di oncologia, ha descritto come nei prossimi 10 anni realizzeranno diversi farmaci molecolari capaci di colpire le cellule staminali tumorali. Con la loro distruzione il tumore diventerebbe sterile e dovrebbe regredire.

Non solo farmaci contro il cancro però. Secondo l'Airc saranno matematici, informatici, ingegneri e fisici le nuove 'armi' contro i tumori. "Sono proprio questi studenti che potranno rappresentare una risorsa futura per la ricerca contro i tumori - spiega Marco Foiani, ricercatore dell'Istituto Firc di Oncologia Molecolare , in conferenza del Politecnico di Milano - che sta diventando sempre più multidisciplinare. La ricerca e' purtroppo un processo lento, ma negli ultimi 10 anni dopo il sequenziamento del genoma umano ci sono stati successi notevoli. Grazie a matematici e informatici possiamo ora analizzare tutta questa mole di dati contemporaneamente".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017