Excite

Omicidio di Pordenone, l'audio choc della telefonata di Lahmar ai Carabineri: "Buonasera ho ucciso mia moglie e mia figlia"

  • Excite Italia

di Simone Rausi

Uno squillo, poi la risposta dei Carabinieri. Dall’altra parte del telefono una voce chiara: “Buonasera, ho ammazzato mia moglie e mia figlia”. Sono le 2.50, nel cuore della notte, l’operatore prende tempo, chiede all’uomo di ripetere e poi si ferma un attimo: “Ma sta scherzando?”. Questi i primi secondi della telefonata intercorsa tra Abdelhabi Lahmar e il centralino dei Carabinieri.

Le dinamiche dell’omicidio di Pordenone, Lahmar uccide a colpi di accetta moglie e figlia

Lahmar, marocchino 39enne, ha ucciso moglie e figlia nella loro abitazione di Pordenone. Accadeva martedì scorso, dopo una lite familiare. L’uomo ha impugnato un’accetta e ha inflitto oltre 10 colpi sul corpo della moglie. Poi si è rivolto alla figlia, una bambina di soli sette anni, e l’ha sgozzata. Quello che è stato pubblicato oggi è lo sconvolgente audio della chiamata di Lahmar ai Carabinieri, un racconto tanto lucido quanto inquietante.

Durante la chiamata Lahmar fornisce il suo indirizzo. Poi l’operatore chiede il perché di quel folle gesto e l’uomo risponde: “Non so perché, non mi ricordo quello che ho fatto”. “Un attimo solo” risponde la voce del 112, parte una musichetta d’attesa. Sembra la più banale delle conversazioni tra un normale utente e un call center di servizi. Al telefono poi risponde la Polizia che chiede delucidazioni sull’arma utilizzata: “un coltello e un’altra cosa che non so come si chiama” risponde l'assassino.

L’uomo, disoccupato e incensurato, si è poi consegnato spontaneamente alla pattuglia che si è recata nella sua abitazione di via San Vito, nei pressi dello stadio di Pordenone. Touria, a moglie di Lahmar, 30 anni, aveva confessato ad una vicina di sentirsi in pericolo. .

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017