Excite

Omicidio Sarah Scazzi, i tabulati telefonici incastrano Sabrina Misseri

L'omicidio di Sarah Scazzi è diventato una fiction, ogni giorno appare una nuova puntata, che sia uno stralcio dell'interrogatorio dei due maggiori indiziati o una nuova avventura avvenuta fuori casa Misseri, ad Avetrana. L'ultimo episodio è stato quello in cui ad un giornalista Rai sono state offerte le immagini del garage dell'orrore per circa ottomila euro.

Guarda il video delle lacrime di Sabrina Misseri

In attesa di souvenir del luogo del delitto, il dolore della mamma di Sarah è stato espresso in una lettera indirizzata 'Ai colpevoli', in cui afferma: 'Geova è al mio fianco ho fiducia in lui quando dice: Fate posto all'ira, la vendetta è mia'. Testimone di questo movimento religioso, la signora Concetta Serrano esprime così la sua rabbia e parla anche di resurrezione 'Sarà un tempo meraviglioso perché potrò riabbracciare mia figlia'.

Intanto proseguono le indagini su Sabrina Misseri, che continua ad affermare la sua innocenza. Secondo i tabulati telefonici la ragazza si trovava sul luogo dove è stata sepolta la cugina. Un sms la inchioda, infatti alle 15,19 del 26 agosto, pochi minuti dopo l'omicidio, ha inviato un messaggio a Ivano e non era con Mariangela (come ha sempre affermato), che stava parlando in un altro luogo con il padre. Anche dall'interrogatorio del 15 ottobre emerge questa incongruenza nei fatti:

Pm Buccoliero: 'Quand'è il primo messaggio che fa a Ivano?'.
Sabrina Misseri: '17,25 o cinque e mezza mi ricordo'.
Polizia giudiziaria: 'Il primo a Ivano?'
Pm: 'Alle 17 e 30?'
S.: 'Che lui mi risponde...'.
Pm: 'Il primo è delle 15 e poi... la chiamata'.
Pg: 'Quello delle 15,19 e 51 secondi. C'è Sabrina che manda un sms a Ivano in cui c'è scritto 'Ti stavo chiamando è sparita Sarah''.
Pm: 'Questo è il primo?'.
Pg: 'Il primo sì... quando lei ha mandato questo messaggio stava con Mariangela?'.
S.: 'Sì'.
Pg.: 'Guardi, dalle celle telefoniche risulta che lei ha agganciato una cella di Nardò mentre la sua amica Mariangela nello stesso arco di tempo che ha fatto una telefonata al papà ha agganciato una cella di Avetrana. Mi può dire... Lei mi dice che stavate assieme e agganciate celle proprio completamente...'.
S.: 'Perché pure a lei stessa dissi io 'non so se chiamare Ivano o meno...''.
Pg.: 'Lasci perdere il fatto di chiamare o non chiamare'.
S.: 'Ma stavamo insieme però'.
Pg.: 'E come si spiega questo fatto che lei aggancia una cella a Nardò, località Fattezze frazione Santa Chiara... La sua amica aggancia una cella Avetrana via XXIV maggio 22?'.
Pm.: 'Sa che significa questo? Che voi non stavate insieme...'.
S.: 'No, stavamo insieme... Su questa cosa io ne sono convinta'.
Pg: 'Successivamente stavate insieme a Torre Colimena'.
S.: 'No, io a Torre Colimena non ci sono andata'.
Pg: 'No, lei aggancia una cella a Manduria, località Torre Colimena...'.
S.: 'Non ci sono andata a Torre Colimena'.
Pg: 'Quando vi siete incontrati a Torre Colimena con Alessio e Mariangela lei non c'è andata?'.
S.: 'Io mi sono incontrata a Torre Colimena...'.
Pm: 'Non si sta ricordando questa circostanza'.
S.: 'Però del fatto di Ivano, c'era lei presente perché lei stava chiamando con il telefonino mio. Perché a me mi sembrava male chiamarlo che non mi parlava. Lei ha preso il telefono per chiamare e io poi dopo gli ho mandato il messaggio, a Ivano.'
Pg: 'Ma com'è possibile?'.
Pm: 'Qui stiamo parlando dei tabulati non delle dichiarazioni di Mariangela, va bene?'.
S.: 'Ho capito'.
Pm: '... I tabulati ci dicono che state in due posti diversi nello stesso orario... Forse non è chiara la cosa'.
S.: 'E io ribadisco che stavo con Mariangela'.
Pm: 'Quando ha fatto questo messaggio a Ivano?'.
S.: 'Sì'.

 (foto © LaPresse)

Pm: 'Benissimo, quindi contrariamente a quanto risulta dai tabulati lei stava con Mariangela... Benissimo'.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017