Excite

Sarah Scazzi, Sabrina Misseri resta in carcere: omicidio premeditato

La lettera di Michele Misseri, in cui l'uomo chiedeva scusa e si assumeva di nuovo le responsabilità dell'omicidio di Sarah Scazzi, aveva illuso Sabrina. La ragazza pensava che quelle parole l'avrebbero scagionata, ma il tribunale del riesame non le ha concesso la libertà, anzi su di lei grava un nuovo campo d'imputazione: la premeditazione.

Infatti, secondo le indagini l'orario della morte di Sarah è da far risalire alle 14, venti minuti prima di quanto sospettato. Sarebbe stata la stessa Sabrina Misseri a depistare sull'ora del decesso inviando squilli ed sms dal telefono della cugina. Inoltre dalle carte della procura si legge: 'E' stata posta in essere un'abile, disinvolta e costante attività di depistaggio non solo da Sabrina ma anche da Cosima Serrano'.

La ragazza di Avetrana avrebbe depistato le indagini e mistificato la realtà, convincendo anche il padre su cui 'traspare una continua pressione psicologica esercitata dai famigliari per modificare il racconto'. Tutto torna, dalle versioni dei fatti più volte cambiate dallo zio della quindicenne fino alla presenza costante di Sabrina in televisione per nascondere la verità.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017