Excite

One billion rising: il flash mob di S. Valentino contro la violenza sulle donne sbarca a Sanremo

  • Twitter

Una campagna di sensibilizzazione mondiale contro la violenza sulle donne nel giorno di San Valentino: è questo l’obiettivo di One billion rising, un flash mob internazionale organizzato in diverse città del mondo il 14 febbraio 2013, per protestare contro gli abusi di ogni tipo sulle donne scendendo in piazza e ballando.

Sono quasi 200 i paesi coinvolti nella campagna lanciata da Eve Ensler, drammaturga e sceneggiatrice statunitense, autrice dei celebri Monologhi della Vagina e ideatrice del V-Day, la giornata internazionale contro il femminicidio e gli abusi: le immagini dalle piazze di tutto il mondo mobilitate per i diritti delle donne contribuiranno alla creazione di film e libri creati dal V-day internazionale sull'evento.

Eve Ensler ha lanciato diversi messaggi in rete per invitare a ballare contro la paura e soprattutto ad abbattere il muro dell’indifferenza su un fenomeno che ha assunto proporzioni spaventose: un miliardo è il numero di donne nel mondo che, si stima, abbia subito o subirà violenza nell'arco della sua vita. In Italia, nel 2012, una donna ogni due giorni è stata uccisa, nella stragrande maggioranza dei casi da un compagno o da un ex partner.

Sanremo 2013: le anticipazioni della terza serata

Innumerevoli le adesioni da parte di associazioni, partiti e movimenti in tutto il mondo: il One billion rising è sbarcato anche in Italia, con i flash mob a Roma in Piazza del Popolo, a Milano in Piazza Duomo e a Napoli in piazza del Plebiscito, ma anche in decine di piazze in altrettante città lungo lo stivale. L’iniziativa coinvolgerà anche il palco più famoso d’Italia, quello dell’Ariston. E’ stata Luciana Littizzetto ad annunciare alla stampa che anche al Festival di Sanremo ci sarà un momento dedicato al One billioni rising: "Stasera con 200 ragazze all'Ariston faremo un flash mob contro la violenza sulle donne".

Stupri a New Delhi, proteste per le violenze sulle donne: le foto

Intanto la giornata dedicata agli innamorati si è trasformata in un incubo in India, dove coppie e gruppi di persone che festeggiavano San Valentino sono state aggredite e picchiate da un gruppo dell'estrema destra indù, che denuncia gli "effetti perversi della festa di San Valentino". La festa dell’amore sarebbe colpevole dell’aumento del numero dei profilattici venduti e quindi del rischio di stupri: quest’organizzazione cavalca l’onda della paura per il fenomeno della violenza sessuale sulle donne, che ha raggiunto livelli record in India, con New Delhi definita "capitale degli stupri".

Violenze in India: aggredito chi festeggia San Valentino

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017