Excite

Ora Legale: dal 30 Marzo 2014 un'ora di luce in più. Tutto quello che c'è da sapere

  • Getty Images

di Simone Rausi

Preparatevi: nella notte tra sabato 29 e domenica 30 Marzo si sposteranno le lancette dell’orologio avanti di un’ora. Una costante che ormai fa parte della nostra vita da immemorabile tempo e che viene accompagnata, puntuale, da persone confuse (non sanno mai quando cambiare l’orologio e vivono sfasati per almeno 12 ore), assonnate (si aggirano con un perenne senso di jat lag manco fossero tornati da Kuala Lumpur) e nostalgiche (sono quelle che ogni 60 minuti ricordano l’orario del giorno precedente: “quindi, ieri a quest’ora erano le 6!”).

L’ora solare e l’insonnia

Ma poco importa perché l’ora solare lascierà spazio all’ora legale e la vita assumerà una nuova connotazione. Le giornate si allungheranno di un’ora, il sole comincierà ad accompagnarvi fino a sera ed è questo il momento in cui la voglia di andare in palestra emergerà come un bisogno fisiologico facendovi riscoprire un barlume di vita sociale che pensavate di aver perso per sempre.

Lievi disturbi (stanchezza, spossatezza, difficoltà nel prendere sonno) potrebbero comparire negli individui più sensibili ma si tratta comunque di sintomi lievi destinati a scomparire nell’arco di un giorno o due. Le lancette verranno spostate di un’ora in avanti, per convenzione, alle 3 di notte e l’ora legale resterà in vigore per tutta la bella stagione e fino al 26 di Ottobre. Ad aderire all’ora legale sono centinaia di Paesi nel mondo (la fascia tropicale ne è esente perché le variazioni di luce durante l’anno sono minime).

L’ora legale nasce con l’obiettivo di risparmiare energia e fu “inventata” addirittura da Benjamin Franklin nel 1784 che parlò di “Daylight Saving Time”. In realtà fu soltanto con la Grande Guerra che l’ora legale fu messa in pratica. Il motivo? Le evidenti ristrettezze economiche del periodo.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017