Excite

Overdose da Viagra: amputazione del pene per uomo colombiano che voleva "stupire" la fidanzata

  • Getty Images

"Soffrivo le pene per colpe del pene" cantava Elio non molto tempo fa, ma per un sessantaseienne colombiano l'arguto calembour del cantautore si è trasformato da qualcosa di cui sorridere in un vero e proprio dramma. L'uomo, infatti, per stupire la nuova fiamma (si presume più giovane) e passare con lei una notte indimenticabile è andato in overdose da Viagra, con la conseguenza che l'erezione è stata così prolungata da causargli un principio di cancrena e rendere necessaria l'amputazione del pene. Insomma, un'esperienza indimenticabile sì, ma non come si immaginava lo sfortunato Casanova.

Stando a quanto riporta Colombia Reports, il sessantaseienne è un agricoltore e membro del consiglio municipale di Gigante, cittadina della contea di Huila, che - data la natura dei fatti - ha chiesto di rimanere anonimo, ma ha comunque accettato di raccontare la sua storia. L'uomo ha dunque spiegato di avere assunto una grande quantità di Viagra per "compiacere" la sua ultima conquista, procurandosi un'erezione 'monster'.

L'audace agricoltore e sedicente politico ha quindi proseguito dicendo che all'inizio non era preoccupato del suo "stato", ma che dopo due giorni (!) ha incominciato ad accusare dei dolori e così ha deciso di andare in ospedale. Al nosocomio di Gigante i medici si sono allarmati per la gravità delle sue condizioni e hanno disposto il trasferimento d'urgenza alla struttura di Neiva, il capoluogo del dipartimento.

E qui è avvenuta la drammatica constatazione: il sanitari hanno riscontrato una frattura del membro del sessantaseienne, diversi lividi e un principio di cancrena, arrivando alla conclusione che l'unico modo per fermare la degenerazione dei tessuti e salvare la vita all'uomo era l'amputazione. "Il paziente mostrava lividi sui testicoli e sul pene. E' stato trattato e si sta riprendendo bene", ha dichiarato uno dei medici al quotidiano locale La Nacion, rivolgendo quindi un appello a non usare farmaci come il Viagra senza una precisa prescrizione medica per evitare altri 'incidenti' simili.

Incidenti che - stando a quanto riporta Il Corriere della Sera - "anche se non uguale a questo, sono diventati ricorrenti da quando hanno incominciato a diffondersi così capillarmente i farmaci contro le disfunzioni erettili". L'ansia da prestazione - è proprio il caso di dirlo - e la facilità a reperire Viagra e affini hanno sdoganato infatti il ricorso alla pillolina blu, ma l'assunzione indiscriminata, e non solo "in casi particolari ed esclusivamente sotto stretto controllo di un medico", può portare a drammatiche conseguenze. Quanto capitato all'incauto ed esagerato colombiano è senza dubbio tragico, ma non mancano casi di decessi dovuti a infarto: i farmaci per la disfuzione erettile, infatti, sono a base di Sildenafil, un inibitore che, inducendo la vasodilatazione arteriosa, può portare alla restrizione dei vasi sanguigni e, conseguentemente, dare problemi cardiaci di varia entità.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017