Excite

Paradisi fiscali: inchiesta svela i più grandi evasori al mondo

  • Getty Images

Dopo Wikileaks, un altro 'pacchetto' di files già ribattezzato Offshore Leaks sta per scatenare quello che si preannuncia come un grande scandalo mondiale. Con una serie di eventi degna di un film di spionaggio, infatti, il direttore dell'International Consortium of Investigative Journalists (Icij), Gerard Ryle, ha messo le mani su una scatola nera contenente i nomi di 130 mila titolari di conti correnti e investimenti nei cosiddetti 'paradisi fiscali, ovvero le Isole Vergini inglesi, le Cayman, le Cook e le Samoa, e dopo 15 mesi di lavoro che hanno visto coinvolti 86 giornalisti di 38 testate si prepara a renderli noti in tutto il mondo.

Un proposito che sta facendo tremare i polsi a migliaia di evasori in tutto il pianeta, ma anche a "molti grandi istituti bancari mondiali", tra i quali gli svizzeri Ubs e Clariden (quest'ultimo affiliato di Credit Suisse) e Deutsche Bank, che secondo gli investigatori "hanno lavorato aggressivamente per fornire ai propri clienti compagnie coperte dal segreto". L'Icij parla infatti di "un'industria ben retribuita di prestanome, contabili, notai e banche" dediti a un'evasione organizzata ai massimi livelli, che ha fatto dire al professore di diritto ed esperto fiscale canadese, Arthur Cockfield: "Non ho mai visto una cosa del genere, è stato scoperchiato un mondo segreto", con una cifra evasa stimata tra 21 mila e i 32 mila miliardi di dollari globali.

Nell'elenco figurano molti nomi di spicco della finanza mondiale, anche se come hanno postillato oggi i primi giornali che lo hanno pubblicato, in America e in Europa, "non si suggerisce automaticamente che abbiano infranto la legge". Il timore di querele (o peggio) infatti esiste ed è elevato. Ad ogni modo, negli oltre 260 gigabyte decrittati dal team dell'Icij ci sono per esempio la figlia dell'ex presidente Ferdinand Marcos, Maria Imelda Marcos Manotoc, la statunitense Denise Rich, ex moglie del trader del petrolio Marc Rich e autrice delle musiche delle canzoni di star del calibro di Celine Dion, l'oligarca russo Michail Fridman (che si sarebbe fatto aiutare dal figlio del mitico Markus Wolf, il capo dello spionaggio estero della Ddr) e la baronessa spagnola Carmen Cervera, vedova del collezionista d'arte svizzero Heinrich Thyssen-Bornemisza.

Partner dell'iniziativa in Italia è Panorama, che nel numero in edicola domani svelerà i nomi dei 200 italiani presenti nei files, ma stando alle anticipazioni riportate da alcuni quotidiani, non sembrerebbero esserci nomi 'clamorosi'. I più noti sarebbero infatti quello di Gaetano Terrin, ex commercialista dello studio di Tremonti, di Fabio Ghioni, l'hacker dello scandalo Telecom, e di alcune gioiellieri milanesi, che TgCom24 specifica essere i Pederzani, Maria Cristina Agusta e la famiglia di Dario e Pierre Luigi Camurati.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017