Excite

Parigi, Valeria Solesin è morta: la notizia confermata dal padre e dalla Farnesina

  • Twitter

Un volto giovane, bello e sorridente. Per l’Italia è senz’altro Valeria Solesin il simbolo delle stragi di Parigi, la grazia contrapposta all’orrore. E dopo le notizie che la giovane, presente al concerto al Bataclan insieme al fidanzato Andrea, sarebbe rimasta vittima degli attentatori, è arrivata la conferma anche dalla Farnesina.

Guarda il video degli spari al Bataclan durante il concerto degli Eagles Of Death Metal

A riferirlo stamattina all'Agi Corrado Ravagnani, il padre del fidanzato della giovane che ha riferito con dolore: “Purtroppo Valeria è morta” e sarebbe stato infatti ritrovato il corpo della ragazza di Venezia che aveva scelto la capitale francese come sua dimora da ben 6 anni.

Dottoranda borsista in Demografia alla Sorbona, volontaria di Emergency, la donna si trovava al Bataclan di Parigi nel momento dell'attacco terroristico insieme al fidanzato Andrea Ravagnani, 30 anni di Dro (Trento), ferito leggermente ad un orecchio, Chiara Ravagnani, 25 anni sorella di Andrea e il suo fidanzato Stefano Peretti di Verona, entrambi illesi.

Attentati di Parigi, le indagini: si segue la pista belga

I quattro amici sono stati presi in ostaggio dagli attentatori e dopo il blitz degli agenti di polizia si sono divisi nella foga di mettersi in salvo. Da allora di Valeria non si sono avute più notizie anche se la famiglia ha sperato fino all’ultimo di ritrovare in vita la ragazza scomparsa.

Il padre di Valeria però non aveva ancora ricevuto la notizia della morte della figlia dalla Farnesina, apprendendolo drammaticamente dagli amici della giovane, il che è piuttosto singolare. “Mi pare di capire che Valeria sia morta già venerdì – ha detto il genitore - Non abbiamo avuto nessuna notizia dalla Farnesina ma lo abbiamo appreso attraverso il fidanzato e gli amici che hanno seguito la vicenda lì a Parigi e avrebbero avuto notizie della sua morte”.

(Guarda il video del musicista davanti il Bataclan che suona Imagine)

L'ambasciatore d'Italia a Parigi Giandomenico Magliano ed il console generale Andrea Cavallari, sono andati a place Mazas dove si trova la camera ardente per verificare se tra i corpi non identificati ci sia anche quello della studentessa italiana. Lo rende noto la Farnesina, che sta procedendo alle verifiche in stretto contatto con le autorità francesi.

Per le verifiche è stato chiamato un esperto dell'Interpol. Le autorità francesi infatti in attesa del riconoscimento della salma da parte dei familiari hanno chiesto il rilevamento delle impronte digitali e dell'impronta dentaria sul presunto cadavere della ragazza.

E purtroppo è stata confermata la notizia della morte di Valeria da parte del padre Alberto Solesin e successivamente dalla stessa Farnesina, che ha affermato: "Nostra figlia è morta. Abbiamo la certezza ma manca solo per motivi burocratici l'ufficialità".

"Era una persona meravigliosa e l'unica cosa che ci preme ricordare di lei in questo momento- ha detto la madre Luciana Milani - Ricordate che era una persona, un cittadina, una studiosa meravigliosa. Ci mancherà molto e credo, visto il percorso che stava facendo, che mancherà anche al nostro Paese per le doti che aveva".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017