Excite

Paura in Olanda per un sospetto dirottamento. Ma è solo un'incomprensione

  • Infophoto

Ha fatto temere il peggio la perdita di un contatto radio con un aereo diretto ad Amsterdam: ad allarmare le autorità olandesi è stato il sospetto di un dirottamento del volo civile della compagnia spagnola Vueling, tanto da attivare immediatamente la procedura di emergenza.

Caos a Fiumicino: un turista sul rullo bagagli finisce ai raggi X

Il Ministero della Difesa olandese ha ordinato subito la partenza di due caccia F16 dell'Aeronautica militare dalla base di Volkel: le teste di cuoio hanno circondato l'aereo sospetto, giudandone l'atterraggio all'aeroporto di Schiphol, con tanto di ambulanze arrivate sulla pista.

Tanto rumore per nulla, è il caso di dirlo. Perchè in effetti l'allarme è sorto dalla perdita del contatto aereo con il velivolo, durato diversi minuti: da qui il timore di un dirottatore a bordo, cha ha fatto scattare le misure di difesa nazionale per intercettare il mezzo con 138 passeggeri a bordo. Ma ben presto l'emergenza si è rivelata un semplice equivoco.

Un portavoce della compagnia spagnola ha smentito categoricamente l'attacco terroristico: all'origine dell'allarme c'è stata soltanto una "incomprensione" tra il pilota e la torre di controllo. Un vuoto di comunicazione durato pochi minuti, ma quanto basta per innescare le procedure d'emergenza con l'immediato invio dei caccia a scortare il velivolo. Una prassi regolare, come confermato anche dal portavoce del ministero della Difesa. A riprova dell'inesistenza del pericolo c'è anche la dichiarazione di un passeggero dell'aereo della Vueling: "E' tutto tranquillo, le porte sono chiuse ma non siamo in ostaggio".

Lo stesso aeroporto di Amsterdam era stato in parte chiuso mercoledì a causa del ritrovamento nella zona di una bomba inesplosa della Seconda Guerra Mondiale: l'ordigno, emerso durante lavori di manutenzione, è già stato rimosso.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017