Excite

Pena di morte, il rapporto di Nessuno tocchi caino

Il rapporto 2007 di "Nessuno tocchi Caino", l'associazione italiana contro la pena di morte, denuncia la crescita delle esecuzioni: 5494 nel 2005, 5628 nel 2006 avvenute in 27 Stati. Il triste record appartiene alla Cina, dove sono state eseguite 5000 pene capitali, mentre gli Usa hanno messo a morte 53 persone, lieve calo rispetto all'anno precedente.

Secondo il rapporto di Nessuno Tocchi Caino sono attualmente 36 le donne rinchiuse nei bracci della morte delle carceri pachistane. Non va meglio per i minorenni. Il codice penale reintrodotto nel Punjab, la regione più popolosa del Paese, parla chiaro: i bambini sopra i sette anni possono essere giustiziati per omicidio, stupro di gruppo e traffico di droga, sebbene i giudici possano fare un'eccezione fino a 12 anni.

Il Premio "L'Abolizionista dell'Anno 2007", promosso da Nessuno tocchi Caino quale riconoscimento alla personalità che più di ogni altra si è impegnata sul fronte della moratoria delle esecuzioni capitali e dell'abolizione della pena di morte, è conferito quest'anno al presidente del Ruanda Paul Kagame. Il 19 gennaio 2007, il governo ruandese ha, infatti, approvato un disegno di legge per l'abolizione della pena di morte nel paese ed il 15 aprile ha deciso di firmare la "Dichiarazione" dell'Unione europea contro la pena di morte e di sponsorizzare la Risoluzione per la moratoria universale delle esecuzioni capitali all'Assemblea Generale dell'ONU. Il rapporto di Ntc è arrivato proprio mentre negli Usa, ad appena sei ore dall'esecuzione, è arrivata la grazia per Kenneth Foster. Rick Perry, governatore del Texas, ha deciso di commutare la pena in ergastolo. Foster, trentenne di origini afroamericane, era stato condannato nel 1997: qualche mese prima aveva guidato l'auto su cui viaggiava l'assassino (giustiziato lo scorso anno) di Michael La Hood.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016