Excite

Perreras spagnole, l'Auschwitz dei cani randagi

La difesa degli animali varca i confini nazionali e l'Italia è in prima linea per salvare i cani delle perreras spagnole. Questi canili non sono altro che dei luoghi di passaggio dove vengono portati i cani randagi, che dopo dieci giorni possono essere soppressi. Sono proprio i Comuni a pagare 80 euro per far 'sparire' un animale.

Una sorta di Aushwitz per gli amici a quattro zampe. Le autorità spagnole per liberarsi dal problema dei cani in strada ricorrono, così, all'eutanasia. Per questo l'Aidaa (Associazione Italiana in Difesa di Animali e Ambiente), l'Enpa (Ente nazionale protezione animali) si sono uniti per mettere fine a questa tragedia in collaborazione con Edoardo Stoppa, inviato di 'Striscia la notizia'.

L'amico degli animali della tv ha documentato, viaggiando per la Spagna, la crudeltà delle perreras e ha contribuito a salvare oltre 30 cani randagi. Infatti, insieme all'associazione 'Una zampa per la Spagna' e con i fondi raccolti dalla campagna 'Progetto Spagna' è stato possibile far arrivare in Italia questi randagi, prelevati dalla perrera di Rotaguau, per dargli un'assistenza e una famiglia, che se ne prenda cura.

L'Aidaa però va oltre a quest'iniziativa e ha presentato una petizione ufficiale al Parlamento Europeo per ottenere la condanna della Spagna per la mancata ratifica della Convenzione Europea dei diritti degli animali di compagnia. Infatti la legge prevede il carcere fino a 2 anni per chi uccide gli animali di affezione e fino a 15 mesi per chi maltratta i cani ed i gatti. Inoltre hanno denunciato la stessa nazione iberica per il massacro dei 30.000 cani che ogni anno vengono uccisi nelle perreras.

Foto: YouTube

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017