Excite

Piazza della Loggia, Maggi e Tramonte condannati all'ergastolo

  • Web

Carlo Maria Maggi, ex ispettore di Ordine Nuovo, e Maurizio Tramonte, ex membro dei servizi segreti, sono stati condannati all'ergastolo per la strage di piazza della Loggia a Brescia.

La seconda sentenza dell'Appello è giunta intorno alle 21, al termine di otto ore di camera di consiglio. La replica del secondo grado si era resa necessaria dopo che la Cassazione aveva annullato l'assoluzione di Maggi e Tramonte.

La morte di Pino Rauti, coinvolto nella strage

Secondo l'accusa, Tramonte avrebbe seguito, passo dopo passo, ogni fase di preparazione dell'attentato, mentre Maggi, oggi ottantenne, sarebbe stato il mandante.

Dopo la lettura della sentenza, grande soddisfazione è stata espressa da Manlio Milani, presidente dell'Associazione familiari vittime della stage di piazza della Loggia.

Milani, che in quell'attentato per se la moglie, ha definito questo "un giorno storico per tutta l'Italia. Questa sentenza impone una profonda riflessione sugli anni che vanno dal '69 al '74". Delfo Zorzi, Pino Rauti e Francesco Delfino altri nomi coinvolti nell'indagine

La strage di piazza della Loggia venne compiuta il 28 maggio 1974. Quel giorno fu fatta esplodere una bomba al tritolo, nascosta in un cestino di rifiuti. La piazza era gremita perché stava ospitando una manifestazione contro il terrorismo neofascista, organzizzata da sindacati e comitato antifascista. La denotazione provocò 8 morti e più di cento feriti.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017