Excite

Picasso, Monet e Matisse, quadri rubati bruciati da mamma del ladro: "Volevo aiutare mio figlio"

  • YouTube

Se la notizia riportata da diversi tra i più importanti media internazionali, da Associated Press a BBC, trovasse conferma, alcuni inestimabili capolavori di Picasso, Monet e Matisse rubati lo scorso autunno dal museo cittadino Kunsthal di Rotterdam potrebbero essere andati perduti per sempre: la madre di uno dei ladri, Radu Dogaru, infatti, li avrebbe bruciati in un forno per fare sparire le prove contro il figlio.

Il fatto sarebbe accaduto in Romania, patria di uno dei tre Arsenio Lupin coinvolti in quello che è stato definito dai giornali di tutto il mondo "il furto del secolo": stando alle parole della portavoce del procuratore locale, Gabriela Chiru, personale del National History Museum della Romania sta esaminando campioni di cenere presi dal forno di Olga Dogaru e avrebbe trovato "piccoli frammenti di fissativo per pittura, resti di tela e vernice" e alcuni chiodi di rame e acciaio la cui datazione è anteriore al XX secolo.

Indizi che secondo gli investigatori romeni sarebbero la prova che la confessione resa dalla donna è drammaticamente vera: resasi conto della gravità del furto compiuto dal figlio e nel disperato tentativo di far sparire le prove, la signora Dogaru ha detto di avere prima nascosto i quadri in una vecchia casa abbandonata, poi nel cimitero del villaggio di Caracliu e quindi di aver deciso di bruciarli.

Tra le sette tele rubate - in pieno giorno, il 16 di ottobre 2012, da tre uomini arrestati poi a gennaio 2013 - ci sono la Testa di Arlecchino di Pablo Picasso, Waterloo Bridge di Claude Monet, Donna che legge di Henri Matisse e Donna con gli occhi chiusi di Lucien Freud: dipinti il cui valore complessivamente viene stimato nell'ordine di 100-200 milioni di euro.

Una perdita incommensurabile, insomma, per la quale ora la 'premurosa' mamma rischia di essere accusata di "crimini contro l'umanità", come ha spiegato ai media il direttore del Museo di Storia naturale di Romania, Ernest Oberlander-Tarnoveanu.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017