Excite

Pozzuoli, il Caffè Lazzarelle prodotto dalle detenute

Si chiama Caffè Lazzarelle ed è realizzato dalle detenute della casa circondariale femminile di Pozzuoli. Si tratta di un progetto finanziato dalla Regione, assessorato alle politiche sociali, con decreto del 2007. La miscela è ottenuta dalla tostatura rigorosamente artigianale di chicchi provenienti da Brasile, Costa Rica, Colombia, India e Uganda. Le dieci detenute impiegate nella lavorazione del Caffè Lazzarelle sono state formate nell'ambito di un progetto regionale per seguire il processo di torrefazione del caffè, che avviene nell'ex mensa del carcere femminile.

Su Il Corriere della Sera si legge che le detenute sono impiegate nella lavorazione del caffè dal lunedì al venerdì per 6 ore e 40 al giorno. Le detenute si occupano anche dell'impacchettatura, della gestione dei magazzini, della pulizia e della manutenzione ordinaria dei locali e delle macchine.

La direttrice dell'istituto penitenziario, Stella Scialpi, ha spiegato che le operaie torrefattrici percepiscono una diaria, basata sulle tariffe sindacali e la coordinatrice del progetto, Paola Misto, ha sottolineato che i pacchetti di caffè verranno immessi sul mercato e venduti nel circuito dei prodotti artigianali; il loro prezzo sarà medio alto 'perché la qualità del caffè è pregiata'.

La coordinatrice ha detto: 'Non parliamo di un passatempo ma di un impegno serio che permette l'acquisizione di conoscenze perfettamente spendibili per un futuro reinserimento delle lavoratrici detenute una volta libere'.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017