Excite

Premio Campiello, Michela Murgia vince e polemizza contro Bruno Vespa

Il Premio Campiello, presentato da Bruno Vespa, ha eletto la sua vincitrice Michela Murgia con il libro 'Accabadora'. La giovane scrittrice prima ha dedicato la vittoria a Sakineh, la giovane donna iraniana condannata alla lapidazione, poi ha polemizzato con il conduttore della kermesse.

Il giornalista avrebbe fatto apprezzamenti poco raffinati sul décolleté della scrittrice Silvia Avallone, vincitrice del 'Campiello Opera Prima' con 'Acciaio', per questo la Murgia ha dichiarato: 'Vespa non mi è piaciuto. Il suo comportamento verso la Avallone e gli apprezzamenti sono stati di cattivo gusto. Se li avesse fatti a me, avrebbe avuto la risposta che si meritava'.

E ha aggiunto: 'Quando c'è di mezzo una donna, si va sempre a parare sul corpo. Non importa la sua intelligenza, non importa se viene festeggiata, premiata, perché ha scritto un libro importante. Tutto si svilisce, si riduce alla carne'.

Secondo Michela Murgia, Vespa avrebbe anche incoraggiato la regia ad inquadrare il décolleté della sua collega. Ovviamente il giornalista ha sminuito l'episodio: 'L'apprezzamento alla Avallone era fatto con molta grazia. La Murgia dimostra di non avere senso dell'umorismo. Ad majora'.

Anche la diretta interessata ha commentato l'episodio: 'Innanzitutto bisogna valutare il contesto in cui certe cose si dicono. Non eravamo in un'aula universitaria. L'evento, certo, riguardava un premio culturale; tuttavia, in un'atmosfera di levità. A onor de vero ero così emozionata e felice di essere su quel palco che neppure mi sono resa conto degli apprezzamenti di Vespa. Comunque, è ovvio che vengono prima i libri dei vestiti'. Infine ringrazia la Murgia per la sua attenzione.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017