Excite

Prende a calci un gatto e pubblica il video su Facebook: arrestato 21enne negli Usa

  • Facebook

Le violenze contro gli animali, purtroppo, nella maggior parte restano impunite, sia per colpa dello scarso aiuto offerto dalle leggi vigenti a chi difende i diritti degli amici a quattro zampe che per la mancanza di prove a carico dei sadici di turno.

Torture su animali negli allevamenti: video shock inchioda la Wiese Brothers Farm

Per una volta, grazie al tempestivo intervento delle autorità competenti ed al boomerang scagliato dal diretto interessato, la sanzione c’è stata e le manette sono scattate a tempo di record. Protagonista della vergognosa vicenda, balzata agli onori delle cronache col contributo decisivo dell’autore della bravata, un ragazzo statunitense di 21 anni, stupidamente divertito dalla sua “prodezza” ai danni di un gatto randagio, attirato con l’inganno per mettere in atto il meschino progetto.

Un calcio potentissimo al piccolo felino, dopo una finta carezza, poi l’assurda esultanza davanti alla videocamera come al termine di un’impresa sportiva: questa la disgustosa sequenza filmata col cellulare dal crudele giovanotto americano, di nome Andre Robinson e successivamente postata sul profilo personale di Facebook.

Proprio l’ingenuità, chiamiamola così, della pubblicazione sul social network del video che riprendeva il calcione rifilato al micetto, è costata cara al “teppistello” in erba, raggiunto nel giro di poche ore dagli agenti della polizia di Brooklyn nella sua abitazione all’interno del quartiere Bedford-Stuyvesant e portato in commissariato per le sevizie compiute ai danni di un animale, reato punito negli Usa con pene variabili comprensive di arresto in flagranza.

Cosa succederebbe in Italia di fronte ad una situazione simile? La disciplina dei maltrattamenti di animali si è evoluta in senso migliorativo (cioè con sanzioni più dure) negli ultimi anni, sotto la spinta della crescente sensibilità dei tanti cittadini e gruppi organizzati favorevoli ad un riconoscimento dei diritti di tutti gli esseri senzienti diversi dall'uomo, ma arrivare a vedere in manette i colpevoli di questi odiosi crimini non è facile.

Ai sensi della legge 189 del 2004, articoli 544 e 638 del codice penale, in particolare, l’uccisione o il grave ferimento di animali comporta una pena da 3 mesi di reclusione fino ad un anno, così come l’abbandono, mentre per diverse tipologie di reato collegate sono previste multe da 3000 a 15000 euro.

Sferra un calcio al gatto e riprende la scena: in manette 21enne americano

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017