Excite

Prevenzione: arma vincente contro il Papillomavirus umano

Contro il Papillomavirus umano la parola d'ordine è prevenzione. Forse ancora troppo poco conosciuto il Papillomavirus umano (anche noto come HPV) colpisce soprattutto le donne tra i 15 e i 44 anni e nel 99 per cento dei casi è la causa principale del carcinoma al collo dell’utero, seconda forma tumorale più comune in Europa dopo quella alla mammella. Ogni giorno questo micidiale virus provoca la morte di cinque donne, in un anno di 1.700.

Contro il Papillomavirus umano è stato creato un vaccino, da poco approvato dall’AIFA (Azienda Italiana del Farmaco), grazie al quale è possibile prevenire il 70 per cento circa delle infezioni. Il Ministero della Salute la scorsa primavera ha annunciato la vaccinazione gratuita per le ragazze di 12 anni ma ancora non è stata messa a disposizione delle giovani.

Per informare sui rischi legati al Papillomavirus umano e sulle possibili cure preventive è nata una campagna di sensibilizzazione di cui è testimonial l'attrice Claudia Gerini. “La miglior difesa, la prevenzione”. Così dice lo spot sociale di cui la Gerini, in qualità di donna e madre, ha deciso di farsi portavoce. Lo spot tv vuole spingere le giovani donne a seguire i consigli delle stelle del piccolo e grande schermo non solo per ciò che riguarda il look ma anche per quanto concerne salute e stili di vita.

Guarda alcune immagini del video per la campagna informativa contro l'HPV

Il vaccino è in grado di prevenire circa il 70 per cento delle infezioni da HPV oncogeni ma qualcosa in più si può fare. Grazie a un'attenta e chiara informazione è possibile aiutare le donne a prevenire questo terribile virus. Il Papillomavirus umano viene trasmesso soprattutto sessualmente ma elevati rischi sono corsi anche dalle bambine in età pre-adolescenziale. E' quindi necessario prestare particolare attenzione all'igiene familiare. I genitori, ad esempio, devono evitare che le figlie utilizzino gli stessi asciugamani per il bidet adoperati da altri componenti della famiglia e al mare o in piscina devono stare attenti che le bambine non si scambino il costumino con le altre coetanee. Piccoli accorgimenti possono rivelarsi strumenti molto utili contro quella che è una grave patologia. Importante è inoltre, per tutte le donne, sottoporsi a periodiche visite ginecologiche e screening. Lo screening attraverso il pap-test finora è stato in grado di diminuire il tasso dei decessi del 40-50 per cento.

In un mondo in cui il potere della rete è molto forte anche in questo caso si è pensato di sfruttare le potenzialità offerte da internet per diffondere un'efficace informazione. Rosaria Iardino, presidente di NPS (Network Italiano Persone Sieropositive), ha promosso la nascita di 'Donne in rete' (www.donneinrete.net). Si tratta di un’associazione che riunisce differenti figure femminili con il comune obiettivo di occuparsi di problematiche prettamente legate alle donne. 'Donne in rete' vuole essere un progetto in cui medici, giornaliste, esponenti politici ed altre figure legate al sociale mettono a disposizione la propria esperienza il loro sapere e le loro competenze per la tutela dei pazienti.

Il video dello spot con Claudia Gerini
 

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016