Excite

Previsioni meteo luglio 2013: caldo record e afa con l'Anticiclone Nordafricano

  • Getty Images

A più di un mese dalla prima ondata di caldo torrido (17-22 giugno), l'estate 2013 torna a infiammarsi, nel vero senso della parola: la settimana del 22 luglio sarà infatta caratterizzata da temperature bollenti, che in alcuni casi toccheranno - e supereranno - picchi di 40°C. Responsabile del caldo torrido sarà l'Anticiclone Africano, che si sta spostando progressivamente verso il Mediterraneo centrale, l'Italia e parte dell'Europa continentale, sostituendo la corrente atlantica dell'ultimo periodo con un'altra di natura tropicale.

Secondo le previsioni del Centro Epson Meteo, il tempo inizierà a migliorare da lunedì, con ancora instabilità diffusa al Nord-Est, al Centro e nel Golfo di Taranto e qualche isolato temporale tra il mattino e il pomeriggio su alta Lombardia, Alpi centro-occidentali, rilievi dell'alta Toscana, Appennino Calabro e l'entroterra sardo. Le temperature saranno di circa 34°C, ma deboli venti settentrionali le renderanno sopportabili e non particolarmente opprimenti.

A partire da martedì, invece, il caldo comincerà a diventare torrido e si inizieranno a sentire i primi disagi dovuti all'afa. Mercoledì e giovedì, quindi, l'aria bollente sahariana portata con sè dall'Anticiclone Africano farà schizzare la colonnina di mercurio anche oltre i 40°C e la situazione resterà tale fino al weekend del 27 e 28 luglio. Ulteriori ipotesi sul perdurare di questa ondata di calore rischiano di essere poco attendibile scientificamente, ma i meteorologi sono abbastanza concordi nel dire che durerà fino alla fine del mese di luglio.

Luglio che, secondo le serie storiche, entra nel suo periodo più caldo - letteralmente - proprio adesso: l'ultima decade del mese e la prima di agosto sono infatti statisticamente le più bollenti dell'anno e anche lo scorso, proprio nel medesimo momento, le temperature avevano fatto registrare un'impennata (anche se nel 2012 nel medesimo lasso di tempo le ondate di caldo erano già state quattro, contro le attuali due).

Diversamente, il cambio di assetto nella circolazione atmosferica determinerà nei Pasi dell'Europa Nord Occidentale violenti temporale, grandinate e forti venti, con un calo delle temperature e il manifestarsi di situazioni anche critiche.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017