Excite

Primo divorzio lampo a Palermo, l’addio di una coppia in 6 giorni: ok della Procura a tempo di record

  • Twitter @pepdecr

Sono bastati pochi giorni di lavoro degli avvocati e di accordi formali, anziché anni di udienze e carte bollate davanti all’autorità giudiziaria, ad una coppia italiana per ottenere nero su bianco l’atto di divorzio.

Look da matrimonio, la moda e le ultime tendenze per l'autunno

L’ampio potere concesso agli avvocati in sede di negoziazione, ai sensi della nuova legge entrata in vigore da appena una settimana, ha permesso alle parti in causa di mettere la parola fine al rapporto matrimoniale a tempo di record.

I beneficiari di questo regime legale semplificato, scaturito dal decreto 132 del 12 settembre 2014, sono due coniugi di Palermo separati dal 2007, adesso ufficialmente divisi dalla dichiarazione di scioglimento del vincolo della Procura della Repubblica del capoluogo siciliano.

La coppia, formata da un’impiegata e una professionista, ha potuto usufruire della legge vigente da martedì 11 novembre in tema di divorzio cosiddetto "lampo" o “fai da te”, grazie all’ausilio degli avvocati ed a un rapido nulla osta dell’ufficio del pubblico ministero.

(Nuova legge sul divorzio, dal Parlamento via libera definitivo al regime semplificato)

Resta necessario, in base alla disciplina uscita fuori dalla riforma licenziata dal governo due mesi fa, un controllo di legalità delle attestazioni e degli accordi tra le parti, ma qualora non vi siano motivi fondati per proseguire l’iter giudiziario la concessione del beneficio risulterà d’ora in poi automatica.

Nel caso in cui, come accaduto a Palermo, marito e moglie dimostrino di non avere questioni patrimoniali da dirimere avendo ad esempio diviso in precedenza i beni comuni, in assenza di figli il tribunale (nello specifico il Procuratore aggiunto) accoglierà la richiesta di divorzio in tempi ridotti.

Soltanto contrasti in merito all’assegnazione del patrimonio o l’interesse superiore dei figli impedirà ai diretti interessati di ricorrere alla formula abbreviata di divorzio tramite la negoziazione, di fronte all’autorità competente, tra i rispettivi rappresentanti legali.

La macchina della giustizia potrà pertanto liberarsi di un pesante fardello, evitando anni ed anni di cause matrimoniali con costi sociali ed economici non indifferenti: per migliaia di coppie, l’incubo di una spirale infinita di beghe giudiziarie sembra finalmente far meno paura.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017