Excite

Processo Breivik al via, il killer: "Non riconosco questa corte"

  • Corriere.tv

Behring Breivik ha salutato il Tribunale dove oggi si svolge la prima udienza del processo contro di lui con il braccio teso e il pugno chiuso. Un saluto di estrema destra che, come spiegava nel suo manifesto, rappresenta "la forza, l'onore e la sfida ai tiranni marxisti d'Europa". Le prime parole del killer di Oslo rivolte alla Corte che lo giudica sono state: "Non vi riconosco".

Nel presentarsi, l'uomo che il 22 luglio uccise 77 persone, ha dichiarato di avere agito per "leggitima difesa" contro i traditori della patria colpevoli di svendere la società norvegese all'Islam e al multiculturalismo. E' questa la tesi dei legali di Breivik, convinti di poter estremizzare anche la linea difensiva. Secondo gli avvocati, Breivik rivendica la sua azione come risposta alla politica del governo eccessivamente a favore dell'immigrazione. E' ovvio che al centro della questione ci sarà la situazione psichiatrica dell'imputato, giudicato però qualche giorno fa dall'ultima perizia, sano di mente.

Il tema centrale del dibattimento, in diretta tv e sul web, sarà così focalizzato sulla salute mentale dell'omicida al momento delle stragi. Già da oggi Breivik potrà spiegare il suo gesto, visto che sarà chiamato dai giudici a parlare. "Non solo spiegherà i motivi delle sua azioni, ma dirà che gli dispiace di non essere riuscito a fare di più" ha detto ieri l'avvocato difensore, Geir Lippestad, che dopo i primi colloqui definì il suo cliente come "incapace di provare sentimenti".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017