Excite

Processo Sarah Scazzi appello, ultime notizie: Cosima Serrano in aula a Taranto per l'udienza

  • Youtube

Potrebbe arrivare all’inizio di maggio la sentenza di appello del processo per l’omicidio di Sarah Scazzi, celebrato a Taranto alla presenza delle due imputate Cosima Serrano e Sabrina Misseri, condannate al’ergastolo in primo grado dai giudici.

Processo Avetrana, nuovi elementi per la difesa dalle intercettazioni "inedite"?

In aula per l’udienza in calendario oggi, la zia della vittima si è professata ancora una volta innocente di fronte alla corte, confermando le tesi difensive già esposte in precedenti occasioni e rimettendosi al giudizio della magistratura senza rinunciare alle attese dichiarazioni spontanee concordate coi legali nei giorni scorsi.

Gesù Cristo venne condannato dal popolo” ha esclamato la madre di Sabrina Misseri al termine della deposizione davanti ai magistrati, paragonando la vicenda sua e della figlia alla figura storica simbolo del cristianesimo per concludere con la frase ad effetto “ogni giorno vengono condannati innocenti e noi abbiamo fatto sempre del bene”.

Prima ancora dell’intervento in aula di Cosima, la madre di Sarah Scazzi aveva ribadito tutto il personale sdegno nei confronti della sorella, imputata per l’omicidio della 13enne di Avetrana dimostratasi ad avviso di Concetta Serrano poco credibile in quanto ostinata nel “rifiutarsi di rispondere in tutte le occasioni, arrampicandosi sugli specchi” nei 4 anni trascorsi dalla data del delitto al giorno d’oggi.

(Cosima Serrano, il ritratto della zia di Sarah Scazzi accusata per il delitto di Avetrana)

Centrale, nell’udienza chiusa dal monologo della Serrano a fine mattinata, la testimonianza del perito incaricato dalla Procura di Taranto della raccolta delle intercettazioni sulle telefonate intercorse tra Sabrina Misseri, il padre Michele e la madre Cosima nel periodo rilevante ai fini delle indagini.

Una lunga conversazione con protagoniste la moglie e la suocera del fioraio Giovanni Buccolieri (testimone di un episodio relativo ad un presunto ingresso non spontaneo di Sarah Scazzi sull’auto degli zii) è stata ascoltata nel corso della stessa udienza, prima che una delle due imputate prendesse la parola per tornare a raccontare la propria versione dei fatti accaduti ad Avetrana il 26 agosto 2010.

Il prossimo appuntamento col processo di appello a Taranto è previsto per 13 marzo, giorno in cui gli avvocati Coppi e Marseglia presenteranno una memoria difensiva, mentre due settimane dopo sarà il turno della discussione del sostituto procuratore generale Antonella Montanaro, con a seguire le arringhe dei legali di parte.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017