Excite

Pronto il ticket per chi beve e fuma

In arrivo provvedimenti e sanzioni per chi non si occupa della propria salute. E' questa la strategia annunciata dal Ministro Livia Turco, che ha confezionato un sistema identico a quello varato da Tony Blair per la Gran Bretagna.

In un'intervista rilasciata a La Stampa, la Turco ha dichiarato:
E' tutto già definito attraverso un piano interministeriale che sarà presentato al premier Romano Prodi entro gennaio. Il governo metterà in guardia i cittadini sui danni dell'errata alimentazione, del fumo, dell'eccesso di alcool e dell'obesità. Poi, se non basta, passeremo a sistemi sanzionatori.

Il Ministro ha ribadito che esiste il "dovere di non ammalarsi", aggiungendo che in sanità i diritti verranno agganciati ai doveri
La Turco ha spiegato che il provvedimento è stato pensato per il contrasto al fumo, all'obesità e alle scorrette pratiche alimentari, i fattori che più concorrono all'insorgere di malattie di diverso tipo.

Ha concluso dicendo:
Per ora puntiamo sulle campagne di educazione ai corretti stili di vita. Se serviranno, arriveranno misure di responsabilità e strumenti sanzionatori sul modello del ticket della negligenza: ora è applicato in Toscana, ma si può estendere al resto d'Italia.

Quindi, aumenta la quantità consentita di marijuana, ma si stringe la morsa intorno a chi non fa troppa attenzione al suo stile di vita.
Ma se è vero, come dice la Turco, che il dovere di non ammalarsi appartiene alla responsabilità individuale, è giusto varare un provvedimento che pone dei limiti alle scelte dei singoli?

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016