Excite

Ragazze rapite in Ohio, ultime notizie: i vicini sapevano?

  • Getty Images

Il giorno dopo il ritrovamento delle tre ragazze rapite a Cleveland, nell'Ohio, liberate dopo dieci anni di prigionia, si indaga per cercare di ricostruire la dinamica di questa vicenda sconcertante. Il rapimento, la segregazione, la bambina nata durante la prigionia e poi la liberazione di Amanda Berry e delle altre due ragazze che erano prigioniere con lei. Chi è Ariel Castro, che ruolo hanno avuto in tutta questa storia i suoi fratelli (arrestati con lui) e i due figli avuti da un matrimonio fallito? I vicini sospettavano che quella dell'autista di bus portoricano fosse in reltà una casa degli orrori? Questi ed altri sono gli interrogativi a cui dare risposta.

Amanda Berry e Gina de Jesus: le foto

Un orco travestito da persona comune: questo era Ariel Castro per i suoi vicini. Un uomo discreto, che si manteneva guidando lo scuolabus (proprio lui che aveva rapito tre ragazzine), che partecipava alle grigliate di quartiere e poi si ritirava in quella casa di due piani al 2207 di Seymour Avenue, in uno dei quartieri più poveri a Ovest di Cleveland, con le finestre sempre abbassate. Eppure le prime crepe nel ritratto di quest'uomo qualunque non sono mancate ad arrivare.

Amanda Berry, Michelle Knight, Gina de Jesus rapite e ritrovate dopo 10 anni: orrore a Cleveland

Secondo le prime testimonianze raccolte presso gli abitanti della zona, ancora tutte al vaglio degli inquirenti, alla polizia sarebbero arrivate negli anni diverse segnalazioni di fatti anomali accaduti nella villetta di Castro: oltre alla denuncia nel 1993 per aggressione alla moglie pestata a sangue, nel 2004 Castro era stato nuovamente attenzionato dalla polizia. Un agente aveva raggiunto l'uomo nella sua abitazione dopo che aveva "dimenticato" sul bus un bambino durante la pausa pranzo. In casa c'erano già due delle tre ragazze scomparse, ma l'agente non si sarebbe accorto di nulla.

Allo stesso modo, non sarebbero state raccolte altre segnalazioni arrivate alla polizia: una vicina avrebbe visto una delle tre ragazze sbattere i pugni contro il vetro di una finestra della casa di Castro con un bambino in braccio, un'altra persona avrebbe segnalato di aver visto una donna nuda camminare a gattoni nel giardino, e succesivamente tre donne tenute al guizaglio. Tutte segnalazioni cadute nel vuoto, visto che gli agenti si sono ben guardati dall'ispezionare l'abitazione. Sugli errori della polizia non ci sono dubbi: tutti questi indizi negli anni avrebbero potuto portare alla liberazione di Michelle Knight, Gina De Jesus e di Amanda Berry con la sua figlioletta.

A proposito di bambini, l'aspetto più inquietante della vicenda riguarda proprio le gravidanze. Perchè sarebbero più di uno i figli nati dalla prigionia: oltre alla bambina di Amanda Berry, anche le altre ragazze avrebbero partorito negli anni, forse altre cinque volte, mentre in due o tre casi avrebbero abortito. E c'è perfino chi tra i vicini ricorda di aver visto Ariel Castro al parco con una bambina: a chi gli chiedeva chi fosse, l'uomo rispondeva che si trattava della "figlia della mia fidanzata".

Altri testimoni sostengono che l'uomo, 52 anni, conoscesse bene le tre ragazze rapite tra il 2002 e il 2004. In particolare Gina De Jesus, che era anche amica di sua figlia: perchè avrebbe dovuto rapire una ragazzina che frequentava casa sua non è ancora chiaro. Qualcuno si spinge ad insinuare che le ragazze frequentassero volontariamente la casa di Castro, finchè nono sono state fatte prigioniere, perchè lì si spacciava marijuana. Ipotesi ancora tutta da verificare, ma il ritratto di Ariel Castro che va delineandosi potrebbe combaciare con questa tesi: proveniente dal villaggio di Yuaco, appartenente ad una famiglia considerata potente nella zona grazie alla proprietà del "Caribe Grocery", uno spaccio di alimentari in fondo alla strada, è considerato una sorta di "dominus" di un quartiere dove regna la miseria. Un dominio che Castro condivideva con i suoi due fratelli, Pedro e Onil, anche loro accusati di aver sequestrato le ragazze tra il 2002 e il 2004. Ed è ancora tutta da chiarire la posizione dei due figli di Castro: anche loro sapevano dei rapimenti?

Mentre l'Fbi indaga su questi dieci anni di segregazione, si cercano indizi anche su una quarta ragazza scomparsa sempre a Cleveland, nello stesso quartiere: si tratta di Ashley Summers, di cui non si hanno notizie dal luglio 2007, quando aveva 14 anni.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017