Excite

Rapina Biancavilla, ha confessato la moglie di Alfio Longo: "L'ho ucciso io, era violento"

  • Twitter @Agenzia_Ansa

Era rimbalzata su tutti i notiziari, in tv e sul web, la tragica vicenda della rapina di Biancavilla e della morte violenta del proprietario della villa Alfio Longo, ucciso secondo la versione dei fatti circolata ieri sera dai malviventi a colpi di bastone.

Ladro "placcato" dagli agenti, telecamere filmano arresto spettacolare a Milano

Poche ore e il castello di carta costruito da Vincenzina Ingrassia, moglie della vittima interrogata dagli investigatori nella notte prima del fermo su disposizione della Procura di Catania, è crollato clamorosamente facendo emergere una verità sconvolgente: a massacrare fino alla morte l’anziano all’interno della propria abitazione era stata la compagna di una vita, “stanca degli scatti” del marito.

Lo sfogo di fronte ai carabinieri ha sgomberato il campo da ogni equivoco e adesso per Vincenzina Ingrassia, rea confessa dopo qualche ora di “messa in scena”, si aprono le porte del carcere.

(Allarme a Biancavilla per l'uccisione di Alfio Longo: sindaco assicura "vigilanza")

Tante le contraddizioni emerse nel racconto iniziale della moglie di Alfio Longo, a partire dal silenzio che nonostante il presunto tentativo di rapina nell’abitazione di Biancavilla avvolgeva l’area dove (stando alla versione falsa) avrebbero fatto irruzione i due ladri, misteriosamente ignorati dai numerosi cani randagi ospitati in casa dalla coppia e sempre molto attenti alla presenza di persone non di famiglia in zona.

Un tassello dopo l’altro, poi il cedimento di Vincenzina Ingrassia costretta a dire la verità autoaccusandosi dell’omicidio del marito, definito violento e aggressivo dalla donna che adesso si trova in cella a Catania.

Al forte e giustificato allarme provocato dalla diffusione della notizia del blitz quasi in stile “Arancia Meccanica” dei malviventi nella villetta alle pendici dell’Etna è così subentrato lo stupore di conoscenti e concittadini della coppia, alcuni dei quali avevano raccontato alle forze dell’ordine (e ai cronisti del “Giornale di Sicilia”) circostanze rilevante ai fini dell’accertamento dei fatti, senza tuttavia presagire uno scenario simile a quello delineatosi in queste ultime ore.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017