Excite

Rapina in centro a Roma: vittima della sparatoria in strada un ex brigatista

  • Repubblica.it

Una rapina in pieno centro a Roma, culminata in un conflitto a fuoco in pieno giorno: è sucesso poco prima di pranzo in via Carlo Alberto 6, all'Esquilino, dove una banda ha assaltato un portavalori ferendo una guardia giurata. Ne è seguita una sparatoria in cui ha perso la vita uno dei rapinatori, Giorgio Frau, 56 anni: già arrestato per terrorismo, l'uomo era un ex appartenente alle Brigate Rosse.

Arrivati a brdo di uno scooter in via Carlo Alberto, i rapinatori erano travestiti da postini: hanno atteso il furgone portavalori presso la Banca Popolare di Sondrio e al suo arrivo hanno aperto il fuoco, scatenando la reazione delle guardie giurate della società Fidelitas, che a loro volta hanno risposto con una sparatoria. Il conflitto a fuoco ha scatenato il panico tra la folla tra piazza Santa Maria Maggiore e la stazione Termini: i passanti si sono rifugiati nei negozi vicini o dietro le auto parcheggiate in strada.

Il bilancio parla di un morto tra i rapinatori ed un ferito non grave tra le guardie giurate: Domenico Antonio Di Silvo, ricoverato in condizioni non gravi, è riuscito a sparare nonostante fosse ferito. Sarebbero partiti proprio dalla sua arma i proiettili che hanno ucciso Giorgio Frau. Gli altri due membri della banda sono stati arrestati: i militari del Nucleo radiomobile li hanno catturati nei pressi di Porta Maggiore. Dalle prime indagini, uno di loro risulterebbe appartenere ai Nar.

Molta paura e soprattutto incredulità tra le decine di cittadini romani e turisti che hanno assistito alla sparatoria a distanza ravvicinata. Unica vittima, Giorgio Frau, tornato in libertà nel '98 dopo una condanna per terrorismo e poi arrestato nuovamente a Perugia per una rapina nel 2003. Il suo nome era finito nell'inchiesta sull'assassinio del giuslavorista Massimo D'Antona (assassinato dalle Br nel 1999), in quanto trovato in possesso di armi e munizioni depositati in una cantina di via Pistoia di cui Frau aveva la disponibilità. Il Tribunale di Roma lo aveva condannato a 4 anni e 8 mesi di reclusione per detenzione abusiva di armi. L'arsenale era stato scoperto dopo l'arresto di Frau a Perugia nel 2003, quando si stava preparando a rapinare l'ufficio postale di Madonna Alta.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017