Rifiuti, nuovi scontri a Giugliano

Nottata tranquilla a Giugliano. Nessuno scontro, nessuna protesta. Peccato che l'idillio non sia proseguito in mattinata. Alle 6 infatti sono ripresi i tafferugli a seguito dalla ripresa degli sversmaneti. Ben sette autocompattatori provenienti di Napoli hanno fatto il loro ingresso nel sito, scatenando la furia dei manifestanti.

Per la popolazione locale è inaccettabile l'ordinanza con cui si è pianificato il deposito di altre 10 mila tonnellate di spazzatura all'interno di una discarica che già contiene 6 milioni di tonnellate di rifiuti imbustate. Da qui dunque la necessità di opporsi a questi provvedimenti.

Scontati ovviamente gli scontri tra i cittadini e le forze dell'ordine, che a fatica hanno smorzato l'incedere della gente (convogliata verso i lati della strada), creando conseguentemente un cordone teso a consentire ai mezzi carichi di immondizia di accedere senza patemi al sito.

Diversa invece la situazione a Terzigno, in cui fino ad ora non sono stati registrati momenti di tensione. La gente infatti continua a sostare pacificamente innanzi alla discarica Sari in attesa dell'arrivo di eventuali autocompattatori.

Il clima dunque è apparentemente sereno, anche se la tensione resta altissima. E' risaputo che i terzignani siano palesamente adirati per la riapertura del sito, e che pertanto potrebbero da un momento all'altro insorgere contro lo Stato.

(foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2014