Excite

Riforma dell'università, slitta l'esame alla Camera

Lo scorso 29 luglio il Senato aveva dato il via libera alla riforma dell'università contenuta nel ddl Gelmini. Con 152 sì, 94 no e un astenuto, l'aula di Palazzo Madama aveva dato la sua approvazione. L'esame della Camera era programmato per oggi, ma è stato ora rimandato a fine novembre o inizio dicembre.

La Ragioneria Generale dello Stato, con la sua analisi tecnica, ha espresso parere contrario sulle modifiche apportate a Montecitorio alla riforma e così i ministri dell'Economia e dell'Istruzione, Giulio Tremonti e Mariastella Gelmini, in una riunione con la presidente della commissione Cultura Valentina Aprea, la relatrice Paola Frassineti, Fabrizio Cicchitto e Fabio Granata, hanno deciso di rinviare l'esame del testo dopo la fine della sessione bilancio.

La Gelmini ha detto: 'Il Miur ha presentato una riforma, moderna e innovativa, che ha l'ambizione di rilanciare l'università italiana. Ora tocca al Parlamento approvarla e al ministero dell'Economia valutarne la copertura. Accolgo positivamente il fatto che il centrodestra ritenga l'università una priorità. Arrivati a questo punto, ha ragione la maggioranza quando chiede di legare e contestualizzare le riforme alle risorse'.

Nella sua analisi la Ragioneria Generale dello Stato ha evidenziato un punto importante da chiarire, ossia quello delle coperture del provvedimento, in particolare la norma sul piano di sei anni di concorsi per 9mila ricercatori universitari.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017