Excite

Roberto Saviano, avvertimento mafioso a Sabaudia

Mentre lo scrittore Roberto Saviano era ospite di una villa sul lungomare di Sabaudia, sulla spiaggia sono state lasciate le carcasse di venti cornacchie grigie congelate. A trovarle lo scorso 23 agosto il personale del corpo Forestale dello Stato. A quanto pare si è trattato di un avvertimento mafioso.

Le carcasse delle venti cornacchie congelate sono state collocate a circa 30 metri l'una dall'altra secondo una disposizione ben precisa. Secondo quanto affermato dai veterinari, la morte degli animali non sarebbe avvenuta per malattia o arma da fuoco. Le cornacchie sarebbero state congelate dopo la morte.

Subito sono partite le indagini degli investigatori che hanno immediatamente pensato ad un avvertimento da parte della mafia. Secondo quanto reso noto, in un primo momento non si è capito chi potesse essere il destinatario di tale avvertimento malavitoso. Che il ritrovamento delle cornacchie fosse da collegare a Saviano si è capito quando è stato accertato che proprio in quei giorni lo scrittore si trovava a Sabaudia ed aveva fatto il bagno in quel tratto di mare, a poca distanza da dove sono state collocate le cornacchie.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017