Excite

Rupert Everett, la sua vita in una biografia

I primi personaggi che Rupert Everett affronta nella sua autobiografia sono Paula Yates e suo marito Bob Geldof.
"Lui era molto sexy, con un´aria da poeta maledetto destinato in un modo o nell´altro a diventare una leggenda. Era sporco, magnetico, ti entrava dentro con la forza di un cacciavite elettrico e gli piaceva essere pagato in contanti". Lei, invece, Paula, era diventata la sua amante. "Era venuta per farmi un'intervista, invece iniziò a spogliarmi come una bambola. Mi ritrovai in mutande con lei sopra di me, e l´intervista si trasformò in una singolare storia d´amore".

Lui, Rupert, delle sue storie di amore ne parla senza filtri nel suo libro 'Bucce di banana', soprattutto di quelle etero, che non sono state molte. Tre, per l'esattezza: Beatrice Dalle, Susan Sarandon e Paula Yates, appunto.

Dai suoi attacchi ad Hollywood, giudicato omofobico, al suo incontro con Andy Warhol (quando lo incontrò gli scrisse in faccia con il rossetto di Bianca Jagger "I love you").
E poi Madonna, Julia Roberts, Franco Zeffirelli (lo incrociò a una festa senza riconoscerlo, poi svenì quando si accorse dell´errore), fino al triste ricordo per la morte del compagno Albert, morto proprio il giorno dell'attacco alle Torri Gemelle.

La sua vita, condita di prostituzione e droga, è raccontata in modo lucido e divertente.
Imperdibili alcuni passaggi dedicati ai grandi divi del cinema e dello spettacolo americano, a partire da Madonna, incontrata quando ancora lei "non era una material girl" e si parcheggiava la macchina da sola. "Era minuta, polposa, con i capelli biondo rame leggermente mossi. Quando ti guardava rimanevi paralizzato", racconta Rupert.
"Una volta ero a cena con lei e il suo compagno Sean. Madonna era rumorosa ma composta, elegante ma ordinaria. Aveva le labbra a cuore di una diva del cinema muto e avevo capito benissimo che per tutta la durata della cena non aveva fatto altro che giocherellare con l´uccello di Sean. Trasudava sesso e pretendeva da chiunque una reazione sessuale. Alla fine della cena ero innamorato di lei".

E poi Julia Roberts che "odorava sempre vagamente di sudore, cosa che trovavo molto sexy", o Sharon Stone che gli raccontò: "Sapete cosa dico quando scopo con un uomo? Tesoro, sono capace di raddrizzare un omosessuale in cinque minuti!".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016