Excite

Sakineh giustiziata domani. Teheran ha dato l'autorizzazione

Il Comitato Internazionale contro la Lapidazione ha fatto sapere che Sakineh Mohammadi Ashtiani, 43 anni, sarà giustiziata domani. A quanto pare le autorità di Teheran hanno dato l'autorizzazione e la condanna a morte dovrebbe essere eseguita nella prigione di Tabriz, dove la donna sconta la condonna.

Roma contro la lapidazione di Sakineh

Tutto il mondo si è mobilitato per salvare la vita di Sakineh. Sembrava che gli appelli a favore della donna iraniana condannata alla lapidazione per aver tradito il marito potessere avere buon esito, ma secondo quanto reso noto dal Comitato Internazionale contro la Lapidazione la condanna sarà eseguita domani: 'Le probabilità di un'imminente esecuzione di Sakineh sono ora molto alte. E' stato riferito che sarà giustiziata già questo mercoledì, 3 novembre'.

A quanto pare Teheran ha autorizzato le autorità penitenziarie di Tabriz ad eseguire la condanna a morte. Sakineh si trova nel carcere di Tabriz, nella regione nord-occidentale dell'Iran, da cinque anni. Nel 2006 le sono state inflitte 99 frustate per una 'relazione illecita' con due uomini, poi è stata condannata a morte per adulterio e per complicità nell'omicidio del marito.

Contro la condanna inflitta a Sakineh si è levata l'intera comunità internazionale, tanto che le autorità iraniane hanno deciso lo scorso luglio di commutare la lapidazione in impiccagione. Lo scorso 11 ottobre, il Comitato Internazionale contro la Lapidazione aveva fatto sapere che il figlio di Ashtiani era stato arrestato dalla polizia iraniana insieme all'avvocato di sua madre e a due giornalisti tedeschi che volevano intervistalo.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017