Excite

Saldi, il calendario 2010

Il 2 gennaio 2010 viene dato il via ufficiale ai saldi invernali. Le prime regioni a partire saranno la Basilicata, la Campania, l'Emilia Romagna, il Friuli Venezia Giulia, il Lazio, la Lombardia, le Marche, il Piemonte, la Sicilia e il Veneto; sarà poi la volta il 3 della Calabria; il 5 dell'Abruzzo, della Liguria e della Puglia; il 7 del Molise, della Toscana e dell'Umbria; l'8 della Sardegna; il 9 della Provincia di Trento e della Provincia di Bolzano; il 10 della Valle d'Aosta.

Ma secondo l'associazione a difesa dei consumatori, Codacons, gli sconti invernali faranno registrare riduzioni degli acquisti comprese tra il 10 e il 20 per cento specie nelle grandi città. Come si legge su Il Corriere della Sera, il presidente Codacons Carlo Rienzi ha spiegato: "I motivi per cui i saldi falliranno sono molteplici. Innanzitutto l'eccessiva vicinanza alle festività natalizie che hanno già prodotto uno svuotamento dei portafogli degli italiani. C'è poi un eccessivo livello dei prezzi specie nel settore dell'abbigliamento e delle calzature, che nonostante i saldi registrerà listini troppo elevati. Da registrare poi il budget delle famiglie per i saldi sempre più ridotto da rincari, rate, mutui e bollette e un generale clima di sfiducia dovuto alla crisi economica".

Il Codacons, dunque, sembra non aver dubbi. Gli sconti invernali saranno tutt'altro che un successo. Rienzi ha sottolineato: "Appena il 50 per cento delle famiglie potrà avvalersi dei saldi, perché l'altra metà non avrà budget da dedicare a nuovi acquisti. In discesa inoltre la spesa procapite durante gli sconti, che si attesterà sui 130 euro a persona (considerati gli aumenti dei prezzi). In linea generale prevediamo un totale flop dei saldi invernali, con vendite in picchiata fino al 20 per cento".

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017