Excite

Salvatore Cuffaro condannato a 5 anni

Salvatore Cuffaro, presidente della Regione Sicilia e per tutti i siciliani 'Totò vasa vasa', è stato condannato a cinque anni di reclusione senza aggravanti per favoreggiamento aggravato a Cosa Nostra e rivelazione di segreti d'ufficio. La sentenza è arrivata pochi minuti fa alle 17.49. Insieme a lui dovevano essere giudicati altri tredici imputati, tra i quali c'è anche l'imprenditore della sanità Michele Aiello e l'ex maresciallo del Ros Giorgio Riolo, ma dei quali ancora non è giunta notizia.

Da due giorni la terza sezione del tribunale di Palermo, presieduta da Vittorio Alcamo, era in camera di consiglio nell'aula bunker di Pagliarelli, per emettere la sentenza del processo alle "talpe" della Dda nel quale era imputato il presidente della Regione. A decidere della sorte del Governatore siciliano sono stati, insieme con il presidente Vittorio Alcamo, i giudici Lorenzo Chiaramonte e Salvatore Flaccovio.

Le prime dichiarazioni di Cuffaro all'uscita del Pagliarelli sono: "Resto presidente della regione: non ho mai favorito la mafia. Quello che farò lo sapete già. Domani alle 8 sarò al mio tavolo da lavoro. Grazie a tutti i siciliani che mi hanno sostenuto. Sapevo di non aver fatto nulla per favorire la mafia. Vorrei ringraziare innanzitutto i miei avvocati che sono stati per me fratelli, senza di loro non ce l'avrei fatta".

"E' un doveroso atto di rispetto verso le istituzioni, ci ho pensato per tutta la notte. Ho pensato a mio padre, a mia madre, a mia moglie, ai miei figli Mi è sembrato giusto esserci". Così Cuffaro aveva spiegato la sua presenza, con voce rotta dall'emozione, nell'aula bunker di Pagliarelli dove da lì a pochi minuti sarebbe arrivata la sentenza.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016