Excite

Salvatore Giuliano, sarà riesumato il corpo del bandito siciliano

Un altro giallo italiano torna ad emergere a sessantanni di distanza. Salvatore Giuliano è vivo o è morto? Questo è quello che stanno cercando di capire gli inquirenti che hanno chiesto la riesumazione del cadavere, che si trova in una cappella del cimitero di Montelepre, in provincia di Palermo.

Il bandito, colonnello dell'Esercito volontario per l'indipendenza della Sicilia, i cui atti violenti e di brigantaggio divennero parte della storia dell'Italia alla fine della seconda guerra mondiale, potrebbe non esser stato ucciso in un cortile di Castelvetrano.

Antonio Ingroia, Procuratore aggiunto di Palermo, ha ammesso. 'Abbiamo preso questa decisione per non lasciare dubbi su quel cadavere, abbiamo ricevuto una denuncia circostanziata, per il momento s'indaga intorno all'ipotesi di morto ignoto ucciso con premeditazione'.

Questi accertamenti si sono resi necessari dopo il rapporto della Questura di Palermo che conteneva un esposto firmato dallo storico Giuseppe Casarrubea, figlio di uno dei tanti sindacalisti uccisi dalla banda Giuliano, e dal ricercatore Mario J. Cereghino, che invitava ad accertare la vera identità della persona uccisa nel cortile dell'avvocato Di Maria.

Il procuratore ha aggiunto: 'La procura si sta muovendo nella direzione giusta, nonostante il tempo trascorso finalmente ne sapremo di più su un giallo che è all'origine della storia della nostra Repubblica. L'esame del Dna ci dirà chi è sepolto in quella tomba'.

A chiedere la verifica sul cadavere sono stati anche il giornalista della Rai, Franco Cuozzo, che sta scrivendo un libro su questo mistero, e Giuseppe Sciortino Giuliano, nipote del criminale che nel libro 'Via d'inferno. Cause ed affetti', scrive, prendendo spunto da detti popolari, che il nonno era emigrato in America e sarebbe tornato due volte in Sicilia. La morte, però, sarebbe sopraggiunta quattro anni fa.

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017