Excite

Sandro Lo Piccolo e i pizzini con i consigli erotici

Consigli erotici indirizzati ai suoi picciotti. Questo il contenuto di alcuni 'pizzini' scritti da Sandro Lo Piccolo, 32 anni ed erede del potente clan di Tommaso Natale. Accanto alla contabilità del pizzo, ad ordini per estorsioni, appalti e nuovi attentati, si parlava anche di sesso nei pizzini.

Così Lo Piccolo dava consigli ai suoi picciotti e scriveva: 'Adoratissimo amicone del mio cuore mi appresto con gioia a rispondere alla tua del 20 settembre. Le avventure erotiche, come tu osi chiamarle, sono una filosofia... o è solamente una filosofia quella di lingua e dito, che tutti quelli come te vi ci rifugiate? Bello mio, la donna preferisce altro. Mi dispiacerebbe tanto se tu le lasciassi insoddisfatte. Io sono qui'.

Esaminando il nastro della macchina da scrivere trovata nel covo di Sandro e del padre Salvatore, la Scientifica è riuscita a mettere insieme alcuni degli ultimi pizzini grazie ai quali sono stati intercettati 63 uomini dei boss di Tommaso Natale. E in questi pizzini non mancavano consigli erotici. 'Caro porcellone, leggo che scopi alla grande - scriveva Lo Piccolo - Tutto Buono e Benedetto. Solo io non scopo più. Divertiti e non ne lasciare nessuna. Caro fratellino, ti mando di tutto cuore un'infinità di abbracci e baci. Inoltre un bacetto l'uno per i tuoi figli'.

Scoprire questi contenuti può sembrare poco utile, ma in realtà tali pizzini hanno permesso di tracciare l'identikit dei nuovi giovani padrini. C'è chi pensa che quel che ne emerge è proprio il segnale della crisi di Cosa nostra e chi, invece, ipotizza che si tratta del segno che i giovani mafiosi hanno assunto nuovi codici subculturali. A quanto pare la frase che più di ogni altra piaceva a Lo Piccolo era: 'Nella vita c'è un valore umano che vale più della libertà, l'onore e la dignità'. Nei pizzini l'erede del clan di Tommaso Natale riportava quello che era il suo dizionario del perfetto padrino.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017