Excite

Sarah Scazzi, Sabrina Misseri sogna la libertà

Non si placa l'interesse per l'omicidio di Sarah Scazzi. Dopo la pubblicazione della lettera di Michele Misseri, inviata alla figlia, in cui si assumeva, di nuovo, la responsibilità della morte della nipote, ci sono ulteriori sviluppi nel caso.

Il Tribunale del Riesame, infatti, in questi giorni, deciderà sulla richiesta di scarcerazione di Sabrina Misseri. La ragazza potrebbe tornare in libertà, ma è molto improbabile che questo avvenga, perché l'incidente probatorio del 19 novembre ha una valenza più forte di questa missiva. Intanto Sabrina spera e secondo Repubblica avrebbe più volte dichiarato: 'Hai visto che ha detto mio padre, finalmente ha detto la verità. Ora i giudici mi devono tirare fuori di qui, sono innocente'.

La cugina di Sarah ha, poi, aggiunto: 'Io con l´omicidio di Sarah non c´entro nulla e non ho mai saputo niente di quanto era accaduto nella cantina di casa. Sono sempre stata convinta di trovarla viva, altrimenti non avrei dato l´allarme proprio io né mi sarei data così da fare nelle ricerche. La gente non si è dimenticata di me, forse finalmente mi crederanno'.

Eppure le speranze di Sabrina potrebbero diminuire dopo le ultime notizie che arrivano dal carcere di Taranto, dove si trova il padre. Infatti, gli investigatori hanno sequestrato una documentazione cartacea 'interessante' nella cella di Michele Misseri. La perquisizione del luogo dove vive da mesi l'uomo è stata disposta dalla Procura della Repubblica di Taranto dopo la pubblicazione della lettera. Secondo gli inquirenti lo zio di Sarah potrebbe essere stato indotto a scrivere quelle parole.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017