Excite

Sbarca in Italia la moda della compravendita di immobili a destinazione particolare

E' arrivata anche nel nostro Paese la moda di trasformare in abitazioni gli immobili a destinazioni particolare, ossia fabbricati destinati all'esercizio pubblico dei culti, fari, torri, fortificazioni, stazioni ed anche ponti. Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari istituto di studi e di ricerche del settore, ha spiegato: "E' un fenomeno che si sta sviluppando molto in Italia quello di dare un utilizzo economico a beni che prima non ne avevano. Alcuni anni fa il demanio mise in vendita ben 362 colonie estive, di cui circa un terzo in Emilia Romagna. A distanza di qualche anno circa la metà era passata ad altro utilizzo, in genere alberghi. In linea generale si può dire che nelle città e nei luoghi in cui c'è un mercato immobiliare fiorente prendono valore beni che prima non ne avevano".

Sono sempre di più le offerte e le richieste per vecchie chiese o fabbricati trasformati in abitazioni. Ma è sempre opportuno stare attenti e controllare costo e zona. Spesso quel che sembra un affare non lo è. I prezzi d'asta, infatti, sono bassi, ma il costo di ristrutturazione, spesso inevitabile, può essere molto elevato. In alcune zone, inoltre, non si riescono a vendere gli immobili riconvertiti. Breglia ha affermato: "Il costo d'acquisto è il meno, il problema è la ristrutturazione che può rivelarsi più onerosa del previsto. In Italia al momento, quasi niente si può abbattere e ricostruire, quindi è importante conoscere la destinazione d'uso dell'edificio per vedere se è trasformabile in abitazione altrimenti si può sempre tentare una 'trattativa' con il comune. C'è una specie di legge fisica dell'edilizia di cui bisogna sempre tenere conto, se una zona immobiliare è buona non esistono vuoti. A Milano molti immobili vengono riconvertiti in spazi espositivi, gli stessi fabbricati a Campobasso non si venderebbero mai".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016