Excite

Sciopero trasporti domani 18 gennaio 2013: le informazioni per tutte le città

  • Getty Images

Novità sullo sciopero dei trasporti indetto per domani venerdì 18 gennaio 2013: il sindacato Or.S.A., Organizzazione Sindacati Autonomi, ha confermato lo sciopero nazionale del settore ferroviario che vedrà i lavoratori (personale di macchina e i capi treno) di Trenitalia e Trenord incrociare le braccia dalle 9 alle 17. Dunque treni fermi per otto ore, ma i passeggeri saranno comunque tutelati durante le fasce di garanzia: dalle 6 alle 9 del mattino e dalle 18 alle 21 di sera la circolazione dei convogli sarà regolare.

Sciopero trasporti 18 gennaio 2013: treni fermi per 8 ore

Trenitalia comunica che è stato invece sospeso lo sciopero del personale dell'Impianto Manutenzione di Milano della Divisione Passeggeri N/I di Trenitalia, in programma per venerdì 18 gennaio dalle 9 alle 17 e indetto dalle segreterie regionali di Filt, Fit, Uilt, Ugl Fast.

Per i pendolari lombardi restano comunque possibili i disagi per lo sciopero indetto dal sindacato Or.S.A. per le ferrovie Trenord, confermato dalle 9 alle 17 per i treni regionali e suburbani. Trenord fa sapere che, nonostante siano previste fasce di garanzia, "tuttavia, ripercussioni potrebbero verificarsi anche prima dell'inizio dell'agitazione sindacale e dopo la sua conclusione". Dunque, possibili limitazioni e cancellazioni di convogli potrebbero riguardare anche gli orari non direttamente coinvolti dallo sciopero. Gli orari dei treni e delle corse bus sostitutive (istituite per il solo Malpensa Express) sono consultabili sul sito di Trenord. Per maggiori informazioni si può ricorrere al numero verde 800.500.005 o ci si può rivolgere ai MY LINK POINT di Milano Cadorna, Milano P.ta Garibaldi e Saronno.

L'agitazione sindacale, come ha spiegato Adriano Coscia, Segretario Regionale Or.S.A. Lombardia, si è resa necessaria per protestare contro il nuovo contratto di lavoro per i dipendenti che introduce una retribuzione variabile e l’eliminazione di alcune indennità.: "Un contratto contro il lavoro e contro i lavoratori che deve essere cambiato perché ha comportato la cancellazione di fondamentali diritti dei lavoratori di Trenord" Il sindacato si era anche detto pronto a sospendere immediatamente la protesta, ma solo qualora si fosse giunti ad un "accordo che garantisca, a tutti i lavoratori di Trenord, un referendum da effettuarsi entro il mese di Gennaio ed il cui esito sia vincolante per l’applicazione del Contatto Aziendale".

Disagi previsti a causa dell'agitazione del 18 gennaio anche nelle altre grandi città come Roma, Napoli, Genova, Torino, Bologna e tante altre. Trenitalia ricorda che sarà possibile verificare tutte le corse cancellate, oltre che sui monitor costantemente aggiornati nelel stazioni, consultando il sito di Trenitalia che riporta l’elenco dei convogli suddiviso per regioni e città di partenza e destinazioni e usufruendo del servizio call center della società, al numero 89 20 21, attivo tutti i giorni, 24 ore su 24.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2014