Excite

Sciopero trasporti Roma 1 Ottobre 2014, stop di 24 ore. Autisti pronti a bloccare la Capitale

  • Twitter

di Simone Rausi

Ancora in agitazione il sindacato Usb ed è ancora sciopero dei mezzi pubblici a Roma. I trasporti, stavolta, si fermeranno il prossimo mercoledì 1 Ottobre. Oltre alle difficili condizioni lavorative e contrattuali lamentate, si aggiungono nel calderone anche due episodi di cronaca: l’aggressione in strada subita sabato da un’autista Atac nella zona di Corcolle e il pestaggio a fondo razzista di due ragazzi a causa del loro colore di pelle. “Una vicenda inquietante” si legge in una nota dell’Usb. “Gli autisti sono lasciati soli”.

Parla Elisa, l’autista aggredita sul bus: “Volevano ammazzarmi”

Ben due le autiste donne aggredite. Vetri sfondati, sassi lanciati contro il bus. La caccia ai colpevoli, identificati frettolosamente dai residenti come alcuni extracomunitari scesi dal mezzo, e il pestaggio di due di questi. Una questione di sicurezza che si mischia al razzismo. La situazione nei quartieri periferici della città sarebbe arrivata – secondo quanto esposto dal sindacato – al limite. “Le linee pubbliche e private (Atac e Tpl) vengono in parte soppresse e in parte ridimensionate, le attese alle fermate aumentano e fuori dagli orari di punta le corse sono molto diradate. Il taglio dei servizi esaspera gli animi degli utenti tutti, italiani e stranieri" si legge in una nota. L’Unione Sindacale fa riferimento alle “notizie inventate” in merito all’apertura di nuovi centri d’accoglienza per migranti e all’episodio di linciaggio avvenuto contro un autista arrivato alla fermata da passeggeri esasperati.

Secondo L’Usb gli autisti si ritroverebbero – agli occhi della gente – come “responsabili di una situazione che non hanno contribuito a creare”. C’è l’esasperazione delle periferie, la violenza e la rabbia nei quartieri, ma ci sono anche e soprattutto le contestazione sui tagli e sulla gestione della mobilità urbana del Comune e dell’Atac.

Era già in programma per il prossimo 1 Ottobre uno sciopero di 24 ore di tutto il trasporto locale. I dipendenti minacciano di bloccare Roma qualora fosse il caso. Richiesta maggiore sicurezza, migliori condizioni di lavoro e salario, diritto alla mobilità per tutti. Una mobilitazione che si soprappone all’invito di Marino ai sindaci delle città europee per discutere dei problemi delle città.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018