Excite

Scontro fra metro a Roma

Alle ore 9.35 sulla linea A della metropolitana all'altezza di piazza Vittorio Emanuele II, due convogli si sono scontrati. L'impatto è stato terribile. Una vettura si è completamente accartocciata, intrappolando fra le sue lamiere molti viaggiatori. E' morta una ragazza di 30 anni di Pontecorvo.
Segui tutti gli aggiornamenti nella diretta.

Guarda le immagini

14.55: "Il macchinista ha subito un gravissimo choc e non ricordava niente dell'incidente". A riferirlo è il dottor Adolfo Pagnanelli, primario del pronto soccorso del Policlinico Casilino, rispondendo ai giornalisti sulle condizioni di Angelo Tomei. Le sue condizioni non destano preoccupazione.

14.46: "La macchina dei soccorsi ha funzionato bene", ha detto il presidente della Regione Lazio Marrazzo. "Roma e il sistema sanitario regionale hanno dimostrato di saper rispondere alle emergenze", ha aggiunto.
Il sindaco di Roma Walter Veltroni ha dichiarato che si sta preparando il lutto cittadino.

14.25: L'azienda Met.ro ha comunicato che la linea A della metropolitana di Roma è in funzione tra le fermate Battistini e Ottaviano e fra quelle di Anagnina e Colli Albani.

14.10: Un folto capannello di persone si è formato sotto l'abitazione della famiglia della vittima. Goffredo Bettini, presidente della Festa del cinema di Roma, ha annunciato la sospensione di molte delle iniziative previste dal programma della manifestazione. "Per oggi abbiamo deciso di abolire tutto quello che non sia presentazione dei film, niente red carpet, ne momenti mondani, ne eventi culturali. E' abolita anche la festa finale con Jovanotti, che avrebbe dovuto farsi sabato a Cinecittà".

14.06: Un asiatico, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe in condizioni disperate all'ospedale di S. Giovanni. I medici lo starebbero operando per cercare di salvargli la vita.

13.51: Mentre il sindaco Veltroni non ha voluto fare ipotesi sulle cause dell'incidente. "L'indagine è stata affidata all'azienda Metro, poi spetterà alla magistratura e ai tecnici trarre le conclusioni. Sappiamo solo che i treni erano nuovi, i più moderni in Europa", il questore Marcello Fulvi ha dichiarato: "Certamente è successo qualcosa di palesemente anomalo. Occorrerà sentire le registrazioni tra i convogli e visionare i filmati".

13.30: Il sindaco Veltroni ha ammesso: "All'inizio avevamo pensato che all'origine dell'incidente ci fosse qualcosa di diverso. Si era parlato solo di un'esplosione. Poi, tre minuti dopo, col prefetto abbiamo capito quale fosse stata la reale dinamica della situazione".

13.18: Alessandra Lisi, 30 anni, era una ricercatrice universitaria. La vittima dell'incidente era laureata in scienze statistiche e lavorava a Roma.

13.00: Piazza Vittorio è stata riaperta al traffico.
Intanto secondo i dati dell'Ares 118, aggiornati alle ore 12, sono 140 le persone curate nelle strutture di pronto soccorso degli ospedali romani: 6 codici rossi, 22 gialli, 110 verdi e 2 bianchi.
I codici rossi si trovano negli ospedali Fatebenfratelli, Policlinico Umberto I e San Giovanni.

12.41: Mentre il macchinista dato inizialmente per morto è vivo e addirittura cosciente, il comandante dei vigili del fuoco di Roma ha confermato la presenza di una sola vittima. "Nel giro di 30 minuti - ha detto Parisi - l'intervento di soccorso si è concluso. Sono circa 60 i feriti".

12.32: Il macchinista non è morto. La direzione dell'Ares 118 smentisce la notizia, data da dirigenti della struttura presenti sul luogo dell'incidente, relativa al decesso dell'uomo.
Al momento, dunque, la vittima sarebbe solo la trentenne di Pontecorvo.

12.30: La ragazza di Pontecorvo rimasta uccisa nello scontro fra convogli si chiama Alessandra Lisi, pendolare. Era partita dalla stazione di Roccasecca con il treno delle 6.05.

12.25: Secondo il comandante dei vigili del fioco di Roma, "la centralina del quadro elettrico non ha nulla a che vedere con quanto accaduto".
Pare non esserci stato, dunque, alcun blackout della centralina che governa gli scambi e l'alimentazione a tutti i comandi lungo quel tratto di linea.

12.12: I feriti ricoverati al pronto soccorso di San Giovanni sono tra i 120 e i 130. Di questi, ha detto il primario del reparto di rianimazione Pino Popoli, tre sono classificati come codice rosso.
Al Celio, l'ospedale militare, sono due i ricoverati in condizioni stazionarie ma serie.
Intanto arriva un nuovo bilancio dei feriti: sarebbero 104 totali dei quali 5 in codice rosso.
Diciotto sono in codice giallo e 81, i meno gravi, in codice verde.

12.05: Alla Prefettura di Roma risulta una sola vittima.

11.43: Sono due le vittime dello scontro alla metro di Roma. A riferirlo è stato il presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo. Le vittime dunque non sono tre ma due, la donna trentenne originaria di Frosinone e il macchinista del treno sopraggiunto.

11.40: La donna di 30 anni estratta dalle lamiere è originaria di Pontecorvo, in provincia di Frosinone. Non era dunque nigeriana.

11.38: E' arrivata la notizia di una terza vittima: si tratta del macchinista del treno sopraggiunto. Era in gravissime condizioni.

11.35: Anche se l'urto è avvenuto in frenata, la scena che si è presentata davanti ai soccorritori è simile a quella di due scatole una dentro l'altra.
Il vagone tamponato è rientrato di circa due metri, accartocciandosi.
Il locomotore del convoglio che arrivava da dietro, invece, è entrato nel vagone e si è leggermente sollevato.

11.31: Anche la seconda vittima sarebbe una donna. Ancora non ci conosce la nazionalità o l'età.
Il macchinista alla guida del convoglio sta bene. E' stato ritrovato senza ferite ed ha anche scambiato qualche parola con i soccorritori.

11.23: "Dobbiamo verificare la situazione nei pronto soccorso. Più di una decina di feriti sono da codice rosso". Le parole sono del presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo.
Una testimone ha affermato che "dopo l'impatto, la parete si è sfondata. Lo scontro è stato talmente forte che siamo caduti tutti uno sull'altro".

11.20: Secondo le prime ricostruzioni il terribile incidente alla linea A della metro di roma sarebbe stato provocato dal violentissimo tamponamento di una motrice di un convoglio che, per motivi non ancora accertati, ha investito l'ultimo vagone di un treno metro fermo alla stazione di vittorio emanuele, a pochi chilometri dall'affollata stazione di termini. All'origine del danno forse un mancato funzionamento di un quadro elettrico. Sembra esclusa l'ipotesi di un attentato terroristico.
Mistero sulla sorte del macchinista che i vigili del fuoco non sono riusciti ancora a trovare.

11.15: I vigili del fuoco hanno estratto tutte le persone che erano rimaste incastrate nelle lamiere dei due convogli della metropolitana. I feriti totali sarebbero una cinquantina le cui condizioni sono giudicate abbastanza gravi, una decina invece sono quelli gravi e circa un centinaio sarebbero i contusi.

11.10: Secondo il sindaco Veltroni si è trattato di un tamponamento inspiegabile. "Il treno dietro è entrato in quello davanti. Non si riesce a capire le ragioni perchè sono treni nuovi e assolutamente funzionanti. Per questo abbiamo chiesto a met.Ro. Di darci le spiegazioni necessarie per capire come sia potuta accadere una cosa del genere".

11.04: La ragazza di 30 anni rimasta uccisa nella scontro fra metro è di origini nigeriane. L'altro cadavere è quello di un uomo, del quale non si conoscono ancora le generalità.

11.00: Mentre in piazza arriva il ministro dei trasporti Bianchi, il prefetto Serra dichiara: "E' verosimile un tamponamento". Andranno comunque svolte ulteriori indagini

10.58: La morte di una ragazza di 30 anni è stata confermata dal prefetto di Roma Achille Serra

10.55: Cliccate qui per capire dove è accaduto l'incidente.

10.49: Una delle due vittime sarebbe una donna di trent'anni. I vigili del fuoco stanno lavorando tra i rottami dei due convogli, tentando di liberare altri passeggeri rimasti intrappolati. Molti sono in gravissime condizioni.

10.40: Sarebbero stati estratti due cadaveri dalle lamiere. I feriti gravissimi sarebbero piu' di venti.

10.25: "C'è ancora tanta gente là sotto. Credo che non possa muoversi". Queste le parole di un testimone. Un quarto del vagone che ha tamponato l' altro treno si sarebbe completamente accartocciato. I due convogli sarebbero nuovi treni entrati in funzione di recente.
"Ho visto una metro della Linea A, il nuovo modello come la nostra sulla quale viaggiavamo - ha raccontato il testimone - ho visto che avevamo velocità sostenuta e non frenavamo, sembrava impossibile che entrassimo lì con tanta forza".

10.15: Ci sono ancora diverse persone incastrate tra le lamiere dei due convogli della metropolitana che si sono scontrati questa mattina a Roma. I vigili del fuoco, secondo quanto si è appreso dagli uomini che stanno operando sul posto, hanno già estratto una sessantina di feriti. La maggior parte ha riportato contusioni, ma una ventina sono in condizioni gravi, mentre si sta lavorando per liberare gli altri. Sul posto sono giunti il prefetto Achille Serra e il sindaco Veltroni.

10.00: Un tamponamento tra treni si è verificato questa mattina alle ore 9.35 alla stazione Metro A di Roma Vittorio Emanuele. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco. Ci sarebbero moltissimi feriti, alcuni in gravi condizioni. L'impatto ha messo fuori uso una centralina elettrica che sarebbe esplosa.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016