Excite

Scoperto il legame tra i sogni e creatività

Uno studio coordinato da Sara Mednick della Università di San Diego ha dimostrato che i sogni sono in grado di stimolare la creatività. Proprio durante la fase REM (Rapid Eye Movement) del sonno, quella in cui si sogna appunto, il cervello massimizza le sue capacità di elaborazione creativa. I risultati di quanto analizzato sono stati pubblicati sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS).

Lo studio ha evidenziato come durante la fase REM si raggiungano soluzioni a problemi che richiedono l'associazione di idee, concetti e parole tra loro scollegate. Secondo quanto emerso, quando si sogna ci si sveglia più creativi e maggiormente capaci di risolvere problemi che richiedono collegamenti di idee e concetti.

I ricercatori hanno spiegato: "Il nostro studio mostra che la fase REM potenzia l'integrazione di informazioni non associate per la soluzione di problemi, un processo che, ipotizziamo, potrebbe essere facilitato dalla modulazione dei neurotrasmettitori attivi nella fase REM".

Per portare avanti il loro lavoro gli studiosi hanno chiesto a un gruppo di persone di eseguire un test di creatività chiamato Remote Associates Test (RAT). In questo test si danno tre parole e si chiede di cercarne una quarta che sia collegata a tutte e tre. I volontari sono stati sottoposti al test dopo aver dormito con fase REM, senza fase REM e dopo un periodo di riposo senza però dormire. I risultati ottenuti sono poi stati confrontati ed è emerso che i volontari che hanno ottenuto risultati migliori sono stati quelli che hanno dormito con fase REM.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016