Excite

Segregata e violentata per tre giorni: caccia aperta all'aguzzino

  • Getty Images

Ancora un'aggressione ad una donna, ancora una storia di violenze ed abusi. E' successo a Milano, dove una ventenne ha denunciato di essere stata segregata in casa e violentata da uno sconosciuto. Un incubo durato tre giorni.

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne 2012: stop al femminicidio

La ragazza di origini marocchine è stata segnalata alla polizia da un passanta giovedì sera, in via Facchinetti, zona Forlanini, nella parte est della città: era ferita e in evidente stato di shock. Ora è ricoverata al Centro soccorso violenze sessuali della clinica Mangiagalli di Milano, mentre la polizia ha aperto un fascicolo d'ingagine sul suo caso.

Appena raggiunta dai sanitari del 118, la giovane ha raccontato di essere riuscita a scappare dall'auto del suo aguzzino, un uomo a lei sconosciuto, che l'avrebbe segregata in un appartamanto e avrebbe abusato di lei più volte per tre giorni. Sareppe poi riuscita a liberarsi quando l'auto su cui viaggiava con l'uomo si è fermata a un semaforo rosso: a quel punto, con uno scatto, la donna avrebbe aperto la portiera fuggendo in strada. Il suo aggressore, vedendola correre in strada e chiedere aiuto, sarebbe fuggito a gran velocità.

La vittima, regolarmente in Italia e incensurata, non è stata in grado di riferire sul momento altri particolari del sequestro, nè sul luogo nè sull'aggressore, affermando di non voler sporgere denuncia. Le indagini continuano ed è caccia aperta al mostro.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017