Excite

Sesso al centro commerciale, telecamera riprende tutto e il filmato va in rete. Sconvolta la famiglia, ragazza distrutta

  • cdn-1.verytech

di Simone Rausi

Una minorenne di Palermo è la protagonista involontaria di un filmato a luci rosse che, in queste ore, sta facendo il giro del web. “La mia vita è rovinata” dice lei e la situazione, in effetti, pare essere sfuggita al controllo tanto che la famiglia della ragazza ha dovuto assumere un legale. Ricostruiamo la vicenda: qualche giorno fa la diciassettenne si apparta in macchina insieme al fidanzato 22enne in un angolo buio del parcheggio del centro commerciale La Torre…

Fanno l’amore in acqua ma restano incastrati. Finiscono al pronto soccorso

I due si sentono al sicuro, lontani da occhi indiscreti, e si lasciano andare ad effusioni che, invece, vengono riprese dalle telecamere di videosorveglianza a circuito chiuso, le stesse che dovrebbero servire a garantire la sicurezza della struttura e che invece diventano per l’occasione gli occhi di un Grande Fratello a luci rosse. Dietro i monitor che proiettano le immagini riprese dalle telecamere ci sono alcune voci, forse vigilantes, forse dipendenti del centro, che cominciano a fare diversi apprezzamenti e a chiamarsi l’un l’altro radunando un gruppetto…

Il filmato esce molto velocemente dalla cosiddetta stanza dei bottoni e passando per Whatsapp finisce su Facebook dove nell’arco di poche ore macina più di 100mila visualizzazioni. Il video virale passa da una bacheca all’altra e in poco tempo finisce nei cellulari dei genitori della ragazza. Succede il caos. La famiglia della ragazza si dice sconvolta: “Abbiamo le ossa rotte e non riusciamo a chiudere occhio la notte. Cerchiamo di schivare ogni giorno i sorrisi di scherno di chi incontriamo anche sul posto di lavoro. Mia figlia ha chiesto scusa ma noi non la giudichiamo” ha detto il padre. Non va certo meglio alla figlia, divenuta oggetto di battutine nei corridoi della scuola e ora in cura da una psicologa: “Non mangio da sei giorni e non ho il coraggio di andare a scuola perché temo i commenti dei miei compagni e di essere beffeggiata. Ho attacchi di panico e non dormo la notte”.

Il legale della famiglia ha fatto rimuovere il filmato da internet e ha sporto denuncia in procura contro il centro commerciale che, a sua volta, si è detto “parte lesa”. Il direttore del Centro, infatti, ha dichiarato “Siamo estranei a questi fatti, prenderemo tutti i provvedimenti del caso”. Nel frattempo è stata aperta un’inchiesta interna ma è ancora caccia al regista e distributore del filmato.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017