Excite

Si buca vicino al figlio sul passeggino: le immagini choc del Supermercato della droga di Torino

  • Youtube

di Simone Rausi

Un sistema rodato quello che un gruppo di Africani aveva collaudato a Torino, a Piazza della Repubblica, e che adesso è stato portato alla luce del sole dai Carabinieri della Compagnia Torino Oltre Dora. Spaccio di droga alla luce del sole, orari continuati e una cinquantina di clienti da servire ogni giorno. Un “supermarket della droga” - così come è stato definito dalle Forze dell’ordine – a cui si rivolgevano studenti e professionisti, operai e padri di famiglia.

Droga degli zombie: ecco come agisce sul cervello

Proprio uno di questi, ripreso dalle telecamere dei Carabinieri, è diventato l’emblema del degrado, la pietra dello scandalo di tutta l’inchiesta. D’altronde, le immagini mostrate nel documento, sono davvero forti: l’uomo si inietta una dose con una siringa – presumibilmente eroina – e lo fa accanto al figlioletto che siede sul passeggino. Ma nelle 3000 ore di riprese in possesso delle forze dell’ordine si vedono moltissimi tossicodipendenti intenti a consumare la droga in strada, sul momento.

L’inchiesta, iniziata a Giugno e portata avanti per sei mesi, ha permesso di individuare 19 persone, tutte africane. Sono scattati gli arresti per 14 di loro, mentre per gli altri 5 sono state disposte delle misure cautelari del divieto di dimora. Sospesa la licenza per 30 giorni a un chiosco della piazza, ritenuto la base degli spacciatori. I Carabinieri hanno inoltre sequestrato 500 dosi tra eroina e cocaina. Nei 128 giorni di riprese è stato possibile individuare il meccanismo dello smercio: molti clienti sbucavano fuori dalle bancarelle del mercato della piazza e integravano il pagamento con oggetti rubati proprio in fiera.

Piazza della Repubblica è divenuta quindi il simbolo del degrado cittadino ma, come ha sottolineato il comandante provinciale, colonnello Arturo Guarino, “Non esiste una zona franca per la delinquenza”.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018