Excite

Sicilia, viadotto inaugurato il 23 dicembre crolla dopo dieci giorni. Renzi: "Responsabile pagherà tutto"

Nato poco prima della Vigilia di Natale, caduto a Capodanno: se fosse un essere umano, si parlerebbe di immane e triste tragedia; ma si tratta solo di un ponte, e allora basta un po' di sana indignazione. Anche perché, fortunatamente, almeno non si è fatto male. nessuno.

Crollo ponte in Brasile ai Mondiali 2014, 2 morti e 17 feriti: le foto della tragedia

Siamo in Sicilia, precisamente tra il chilometro 226 e il chilometro 227 della strada statale 121, nei pressi di Mezzojuso, piccolo comune in provincia di Palermo. Qui aveva visto la luce, il 23 dicembre scorso, il viadotto Scorciavacche, crollato a cavallo tra l'anno vecchio e quello nuovo, a soli dieci giorni dalla sua inaugurazione. L'Anas, fa sapere l'Ansa, parla di "un anomalo cedimento del piano viabile in corrispondenza del rilevato retrostante della spalla del viadotto"; in termini pratici si parla di metà carreggiata sprofondata, mentre la parte restante presenta una profonda spaccatura. Per il ministro dei trasporti Lupi si tratta di "un fatto inaudito e inaccettabile", per cui ha subito chiesto "una relazione dettagliata sull'appalto" (in cui pare rientri una grande ditta delle Coop rosse).

MANNINO (M5S) - CROLLA IL TERZO VIADOTTO IN SICILIA. LUPI DOV'È?

Ma la maggiore rabbia per il crollo del viadotto sulla Palermo-Agrigento l'ha espresso Matteo Renzi. Il presidente del Consiglio, come sempre dal suo account Twitter, ha fatto sapere: "Ho chiesto a Anas nome responsabile. Pagherà tutto #finitalafesta".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017