Excite

Simon Bramhall, il chirurgo che firma gli organi interni. Ha scritto le sue iniziali sul fegato di un paziente

  • Telegraph

di Simone Rausi

In tempi di grandi griffe avere un fegato o un polmone firmato può sempre aiutare a far bella figura con gli amici. Avrà sicuramente pensato qualcosa del genere Simon Bramhall, stimato chirurgo quarantottenne del Wueen Elizabeth Hospital di Birmingham quando ha deciso di siglare il fegato di un povero malcapitato finito sotto i suoi ferri.

Cina: perde la mano in fabbrica e gliela attaccano alla caviglia

A quanto pare il chirurgo avrebbe utilizzato un gas speciale, l'Argon, adoperato solitamente per la suturazione dei vasi sanguigni, per marchiare con le sue iniziali, SB, il fegato del paziente. Il gas provocherebbe delle lievi bruciature sui tessuti, una pratica che non può essere definita troppo pericolosa ma che, sicuramente, non rientra nei punti cardine del giuramento di Ippocrate.

A scoprire la firma sul fegato del paziente, sarebbe stato un altro medico che stava nuovamente operando il malcapitato per una diversa problematica. L'intero team della sala operatoria si è detto sbigottito e si è trovato davanti a uno spettacolo tanto inusuale quanto scioccante. Simon Bramhall opera da oltre dieci anni e nessuno ha mai sospettato di nulla. La paura, infatti, è quella che la sigla sul fegato del malcapitato non sia un caso isolato.

L'allarme tra i pazienti, presenti e passati, del dottor Bramhall è già scattato. Intanto il medico è stato sospeso mentre delle indagini sono scattate per fare chiarezza sulle motivazioni che hanno spinto il chirurgo, soprannominato già dalla rete "lo Zorro del bisturi", a praticare questo gesto tanto assurdo.

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017