Excite

Sms troppo cari, interviene l'Antitrust

L'Antitrust e l'Autorità per le comunicazioni hanno avviato un'indagine in merito al costo, giudicato eccessivamente caro, dei messaggi inviati dai cellulari. Secondo i due organi di controllo il mercato degli Sms e dei sevizi internet via telefonino è "in crescita, ma poco trasparente".

Da quanto emerso nel corso dell'indagine c'è spazio per una riduzione dei prezzi. Per le due Autorità, inoltre, gli operatori telefonici devono dare informazioni più chiare ai consumatori. Da quanto rilevato dall'Autorità Antitrust e dall'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni "persistono scarsa trasparenza, condizioni sfavorevoli per i consumatori e tariffe all'ingrosso che disincentivano l'ingresso degli operatori virtuali".

L'indagine ha mostrato che il mercato dei messaggini Sms e dei servizi internet via telefonino vale un fatturato di 748 milioni nel 2008 con oltre tre milioni di utenti. Le due Autorità hanno, inoltre, esaminato un'altra fruttuosa nicchia, ossia quella dei servizi e dei contenuti, che fattura all'anno 368 milioni. In questo caso l'Antitrust e l'Autorità per le comunicazioni hanno sollecitato "procedure che garantiscano la trasparenza dei contratti e soprattutto la reale consapevolezza del contratto stesso, spesso sottoscritto senza una reale volontà del consumatore" e l'inserimento di "meccanismi che consentano di verificare e, possibilmente, tracciare l'effettiva accettazione da parte dell'utente del perfezionamento del contratto. Ugualmente vanno introdotte procedure di disattivazione chiare e semplici".

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016