Excite

Spanair, esame sulla scatola nera. Rimasti chiusi i flap

La mancata apertura dei flap sembra essere all'origine del disastro aereo del 20 agosto a Madrid, dove è precipitato l'aereo della Spanair. A renderlo noto il Wall Street Journal che ha pubblicato alcune indiscrezioni trapelate dall'indagine in corso nella quale sono state analizzate le scatole nere.

I flap sono quei dispositivi mobili situati nella parte posteriore delle ali destinati ad aumentare la portanza in modo tale da permettere al velivolo di stare in aria quando la velocità è bassa. L'analisi di questi dispositivi è compito del pilota che deve controllarli prima del decollo.

Sembra che il pilota, in questo caso, non si sia accorto di alcun problema perché la sirena che doveva suonare in cabina non si è avviata. Ma Antonio Lora, portavoce dell'Associazione degli addetti alla manutenzione degli aerei, ha sollevato qualche dubbio. "Queste informazioni - ha detto Lora - sono incomplete e diffuse in modo precipitoso: rischiano di creare confusione sui veri motivi dell'incidente". Secondo il sito del quotidiano spagnolo Abc, infatti, il sistema di allarme non era danneggiato in quanto si è azionato due volte prima dello schianto.

Le famiglie di alcune delle vittime dell'incidente hanno denunciato la Boeing, che dal 1997 controlla la McDonnell Douglas, costruttrice dell'aereo precipitato a Madrid. Gli avvocati dello studio statunitense Ribbeck Law, che hanno presentato la denuncia ai giudici della contea di Cook nell'Illinois, hanno detto: "Chiediamo che ci dicano chi procedeva alla manutenzione dell'aereo, per quante mani è passato, che modifiche ha subito, chi ha fabbricato i componenti che potrebbero non aver funzionato".

 (foto © LaPresse)

magazine.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016